E' morto Luca Massari, il tassista aggredito a Milano

La piazza in cui Luca Massari è stato aggredito lo scorso 10 ottobre
1' di lettura

Era stato picchiato un mese fa dopo aver investito un cane, uccidendolo. Da allora, ricoverato all'ospedale Fatebenefratelli, non era mai uscito dal coma. Le tre persone arrestate saranno indagate per omicidio volontario con l’aggravante della crudeltà

Luca Massari, il taxista di Milano picchiato un mese fa per avere investito e ucciso un cane, è morto nel reparto di rianimazione dell’ospedale Fatebenefratelli dove era ricoverato senza mai uscire dal coma. Due giorni fa era stato trasferito nel reparto di neurochirugia perché aveva iniziato a respirare autonomamente ma non era stato registrato alcun miglioramento.

Luca Massari era stato aggredito domenica 10 ottobre per aver inavvertitamente investito con il suo taxi un cane sfuggito ai suoi padroni perchè senza guinzaglio.
Le tre persone che portavano a spasso il cane lo hanno preso a calci, pugni e ginocchiate. Ora i fratelli Piero e Stefania Citterio, 26 e 28 anni, e Morris Ciavarella, 31, sono in carcere per custodia cautelare. E saranno accusati di omicidio volontario, con l'aggravante della crudeltà, e non più di tentato omicidio.

Leggi tutto