Facebook si tinge di giallo in difesa dei bambini

La pagina Facebook dell'iniziativa
1' di lettura

L'iniziativa è stata lanciata da Terre des Hommes per la Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia in programma il 21 novembre. Solo nel 2009 sono stati denunciati alla polizia 4187 abusi sessuali su minori

Leggi anche:
Nei panni di una 14enne in chat: e spunta il pedofilo
"I miei occhi vedono ma non guardano: così prendo l'orco"
Tutte le notizie sulla pedofilia


Un fiocco giallo sta invadendo la Rete. E' il simbolo della campagna "Io proteggo i bambini" lanciata da Terre des Hommes, la onlus impegnata da anni nella difesa dei più piccoli. L'occasione è la Giornata mondiale dei diritti per l'infanzia in programma per il 21 novembre.

L'iniziativa ha coinvolto diversi comuni italiani che insieme alla ong hanno stilato un Manifesto in 5 punti (clicca qui per scaricarlo) che prevede, tra le altre cose, l'adozione di una Carta dei Bambini su cui fondare le politiche municipali, non solo quelle strettamente attinenti a servizi destinati all’infanzia.

Ma alla diffusione del messaggio hanno contribuito come sempre i social network. Il fiocco giallo è diventato così l'immagine del profilo di numerosi utenti su Facebook. Mentre su Twitter la voce sta circolando tramite la tag #ioproteggoibambini. C'è anche un logo a disposizione nel kit della campagna da pubblicare sui blog. E per chi vuole metterci letteralmente la faccia basta scattarsi una foto e spedirla al sito. Il tutto senza dimenticare il numero di sms (45509) attraverso cui è possibile donare 2 euro.

Secondo i dati della polizia sono 4.187 i delitti legati ad abusi sessuali commessi nel 2009 a danno dei minori; un quarto di questi sono maltrattamenti in famiglia. Terre des Hommes sottolinea che dei delitti commessi, 1.162 sono casi di violenza sessuale, 302 dei quali aggravata. Trentatré minori sono stati uccisi; 3.434 sono le persone denunciate o arrestate per questo di tipo di reati.    A livello mondiale invece l'Onu stima da 500 milioni a 1 miliardo e mezzo i minori che nel mondo sono sottoposti a qualche forma di violenza o abuso.

Guarda lo spot su YouTube

Leggi tutto