Rifiuti: tensione a Giugliano per la protesta dei cittadini

1' di lettura

I manifestanti hanno rallentato ancora una volta le operazioni di consegna della spazzatura ostacolando il passaggio dei camion. Intanto per le strade di Napoli restano ancora 1700 tonnellate di rifiuti. Ma per Bertolaso: "L'emergenza è stata risolta"

Guarda anche:
Emergenza rifiuti: tutte le foto
Campania, 15 anni di emergenza rifiuti

(In fondo all'articolo tutti i video)

Notte tranquilla a Terzigno, dopo la manifestazione antidiscarica di ieri sera, mentre proteste e tensioni con le forze dell'ordine si sono registrate a Giugliano in località Taverna del Re, dove per una ordinanza firmata dal presidente della provincia, Luigi Cesaro, si devono conferire nel sito di stoccaggio dell'ex ecoballe 10 mila tonnellate di rifiuti.

I manifestanti hanno rallentato ancora una volta le operazioni mettendosi davanti agli autocompattatori; un uomo si è persino sdraiato sotto un mezzo per poi rialzarsi dopo un po'. Centinaia di persone stanno presidiando  Taverna del Re impedendo l'accesso ad altri autocompattatori pieni di  spazzatura. Le forze dell'ordine stanno vigilando sui manifestanti.

Intanto restano ancora tante le tonnellate di rifiuti, ben 1700, lungo le strade di Napoli: grossi cumuli nel cuore della città soprattutto nel centro storico. Disagi, dunque, in particolar modo dopo che la scorsa notte si sono registrati problemi alla discarica di Chiaiano, alla periferia di Napoli, che hanno causato un forte rallentamento nel conferimento e, di conseguenza, oggi nella raccolta dell'immondizia.

Secondo quanto conferma l'assessore all'Igiene Urbana del Comune di Napoli, Paolo Giacomelli, stamattina si è attuata una raccolta straordinaria e si cercherà di farlo anche nel pomeriggio, se pur nel rispetto delle esigenze dei lavoratori che da oltre una settimana stanno lavorando in costante straordinario.

La notte scorsa, intanto, sono stati circa venticinque gli interventi dei Vigili del Fuoco per cassonetti dati alle fiamme: centro storico, via Foria e Calata Capodichino le aree più colpite.

Ma per il capo della Protezione civile Guido Bertolaso, "l'emergenza è stata risolta". "Abbiamo tranquillizzato i cittadini che erano preoccupati e dato risposte concrete ai cittadini di Terzigno, di Boscoreale e del resto dell'area vesuviana - ha detto Bertolaso - se ci sono ancora strascichi, in questi momenti, è solo per una serie di sovrapposizioni che c'erano state in quel territorio, ma che non riguardano Terzigno". "I malumori e le amarezze per certi interventi di queste ore - ha concluso - saranno dissipati entro domani, perchè la situazione ritornerà sotto controllo come lo era prima della vicenda di Terzigno".

Tutti i video sull'emergenza rifiuti


Leggi tutto