Condanna a 15 anni per il primario della Clinica Santa Rita

1' di lettura

E' la sentenza di primo grado inflitta a Pier Paolo Brega Massone, principale imputato al processo per gli interventi ritenuti inutili e dannosi effettuati con lo scopo di gonfiare i rimborsi da parte del Servizio sanitario nazionale

Quindici anni e mezzo di carcere. E' questa la condanna inflitta in primo grado a Pier Paolo Brega Massone, l'ex primario della chirurgia toracica della Clinica Santa Rita di Milano, principale imputato al processo per gli interventi ritenuti inutili e dannosi effettuati su  un'ottantina di pazienti con lo scopo di 'gonfiare' i rimborsi da parte del Servizio sanitario nazionale.

Quindici anni e mezzo di carcere - La sentenza dei giudici della quarta sezione penale del Tribunale è arrivata poco dopo la mezzanotte di giovedì 28 ottobre dopo una camera di consiglio durata quattro giorni. Il collegio, composto da Luisa Balzarotti, Carmen D'Elia e Orsola De Cristofaro, ha inoltre condannato i due aiuti di Brega (anche interdetto in perpetuo dai pubblici uffici), Pietro Fabio Presicci e Marco Pansera, rispettivamente a 10 anni e sei anni e nove mesi di reclusione. A cinque degli altri sei medici finiti alla sbarra, sono state inflitte pene che vanno da un anno e mezzo di carcere per Augusto Vercesi ai 2 anni, 11 mesi e 27 giorni per Giorgio Raponi e Eleonora Bassanino. Unico assolto l'ex anestesista Giuseppe Sala. Le accuse conteste sono lesioni gravi e gravissime per oltre 80 casi e truffa ai danni del Ssn.
I giudici nel lungo provvedimento - per leggerlo hanno impiegato almeno tre quarti d'ora - hanno anche stabilito che Brega (ritenuto non responsabile di tre casi) e i suoi due aiuti, dovranno versare come risarcimento - in molti casi in solido con il responsabile civile clinica Santa Rita - cifre che vanno da 50 mila agli 80 mila euro ad almeno una quarantina di malati che si sono costituiti parte civile. Sono invece di 40 mila, 30 mila e 20 mila euro, le cifre del risarcimento che i tre dovranno pagare alla Regione e alla Asl di Milano. Altri risarcimenti sono stati disposti per l'Ordine dei Medici e le varie associazioni di Consumatori e Medicina Democratica., da parte di tutti e otto le persone condannate.

Pier Paolo Brega Massone: "Sono stato il capro espiatorio" - Così ha commentato l'ex primario, presente in aula, parlando con il suo difensore, l'avvocato Luigi Fornari. Il legale ha già annunciato che impugnerà la sentenza sia in appello e se ce ne sarà bisogno anche in Cassazione. Per l'avvocato Marco Marzari, legale di alcuni pazienti, "è stata una sentenza che ci ha lasciato soddisfatti e che ha dimostrato un Tribunale attento, che ha valutato posizione per posizione".
Ad assistere alla lettura del dispositivo, tra avvocati, imputati e loro familiari, e pazienti con i loro parenti, almeno un centinaio di persone, molte delle quali hanno accolto la sentenza con soddisfazione.
Per Pier Paolo Brega Massone i due pm avevano chiesto 21 anni di carcere in quanto non ha esitato "a infliggere sofferenza tramite interventi chirurgici inutili" a malati terminali e a pazienti "totalmente incapaci" solo per ottenere "vantaggi professionali ed economici". Insomma si è trattato di una persona, non solo priva della coscienza "di un comune medico", ma con "un'indole particolarmente malvagia" e a cui è mancato "il senso di umana pieta"'. Stesse parole sono state usate dall'accusa per la sua equipe e in particolare per gli altri due suoi aiuti, Presicci e Pansera: per i due le richieste di condanna erano state rispettivamente di 14 e otto anni di reclusione.


La clinica degli orrori -La vicenda della casa di cura Santa Rita, battezzata clinica degli "orrori", era venuta a galla nel giugno del 2008 con gli arresti da parte della Guardia di Finanza di 13 medici, tra cui i tre chirurghi, e il titolare della clinica privata Francesco Pipitone. Quest'ultimo insieme ad altri hanno patteggiato la pena, mentre i nove imputati per cui questa sera si è chiuso il processo, sono stati mandati a giudizio con rito immediato. Un procedimento, vista la mole (86 parti lese, un centinaio di faldoni e due udienze in media alla settimana), che si è svolto in tempi rapidi rispetto a quanto accade nelle aule di giustizia.

Leggi tutto