Nella discarica di Terzigno ora è allarme liquidi tossici

percolato
1' di lettura

Un filmato mostra la fuoriuscita di percolato, il liquame prodotto dalla spazzatura, dai terreni di Cava Sari. La protezione civile al lavoro per prosciugarlo. Per il sindaco di Boscoreale c'è un "rischio epidemia". Giovedì Berlusconi si recherà ad Acerra

Leggi anche:
Quando la piazza cede alla violenza
Terzigno, il film della notte di scontri
L'emergenza rifiuti: tutte le foto
Campania, 15 anni di emergenza rifiuti

In un video inviato alla redazione di IoReporter e visibile qui sopra si vede il percolato che fuoriesce dai terreni della discarica di Cava Sari di Terzigno. Il percolato è il liquido che si forma quando l'acqua entra in contatto con i rifiuti e fa reazioni o che viene prodotto dalla pressione a cui sono sottoposto i rifiuti. E' tossico e rischia di inquinare le falde acquifere sottostanti. va trattato in modo adeguato. Il percolato di Cava Sari viene asciugato ora dalla Protezione Civile.

Intanto il sindaco di Boscoreale Gennaro Langella lancia l'allarme: se non si rimuovono i rifiuti dalle strade "C'è il rischio di un'epidemia". "Bisogna dire basta in maniera definitiva alla violenza, agli atti vandalici. Noi che vogliamo dimostrare, con la battaglia contro la seconda discarica nel Parco nazionale del Vesuvio, dobbiamo dimostrare in modo concreto la nostra tutela dell'ambiente. Non fermiamo gli autocompattatori, i prossimi porteranno rifiuti dei nostri comuni, ripuliamo le città. Altrimenti c'è - denuncia - il rischio di un'epidemia".

E proprio per l'emergenza campana, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha programmato una visita per giovedì mattina ad Acerra, per fare un sopralluogo sul sito del temovalorizzatore che deve bruciare buona parte dei rifiuti di Napoli e provincia, dopo che negli ultimi giorni è tornata alta l'emergenza e la protesta in particolare nella zona vesuviana. Insieme al premier ci sarà il capo della Protezione civile Guido Bertolaso e il presidente della regione Campania, Stefono Caldoro, che terranno una riunione alla presenza dei presidenti delle province e i prefetti della regione.

Tutti i video sull'emergenza rifiuti



Leggi tutto