Caso Scazzi, nuovo sopralluogo in casa Misseri

Daniele Galloppa
1' di lettura

Il Ris dei Carabinieri di Roma al lavoro per esaminare i reperti alla presenza dei legali delle famiglie. I risultati saranno disponibili solo tra trenta giorni

TUTTE LE IMMAGINI SUL CASO DI SARAH SCAZZI
Tutte le notizie sull'omicidio di Sarah Scazzi

Gli inquirenti sono tornati in casa Misseri per un nuovo sopralluogo nell'ambito dell'inchiesta sull'omicidio di Sarah Scazzi. Intanto a Roma, nella sede dei Ris dei Carabinieri, si svolgono gli accertamenti tecnici irripetibili sui reperti relativi al caso. Trattandosi di accertamenti tecnici non ripetibili, su reperti che possono deteriorarsi dopo le verifiche, e, dunque, non essere più utili ai fini investigativi, agli esami partecipano anche le parti: gli avvocati e i consulenti tecnici, dei due indagati e della famiglia Scazzi. Quest'ultima, tramite gli avvocati Walter Biscotti e Nicodemo Gentile ha nominato l'ex comandante del Ris di Parma, il generale Luciano Garofano. Per Sabrina Misseri è invece presente l'anatomopatologa Carla Vecchiotti, dell'università di Roma Sapienza , mentre per Michele Misseri c'è il suo avvocato Daniele Galoppa. La Procura di Taranto, infine, ha nominato come consulente gli stessi Ris.

Dalla riunione di oggi, comunque, non emergeranno novità: per i risultati bisognerà infatti attendere almeno 30 giorni, anche se è possibile che qualche esame venga concluso prima. Gli accertamenti "dattiloscopici, biologici, chimici e informatici" verranno svolti su tutti i "reperti acquisiti al procedimento": il cellulare e la batteria del telefonino di Sarah, i tamponi biologici prelevati sul cadavere della quindicenne, il dna, i rilievi e i reperti acquisiti sulla Seat Marbella di Michele Misseri, all'interno del garage e dell'abitazione dei Misseri in via Grazia Deledda ad Avetrana.

Tutti i video sul delitto di Sarah Scazzi

Leggi tutto
Prossimo articolo