Antigua, Berlusconi cita Report per diffamazione

Un'immagine delle ville del premier ad Antigua
1' di lettura

Il premier chiede i danni al programma di inchiesta condotto da Milena Gabanelli. Si tratta di una causa civile, lei: "Mi terrà a bagnomaria per chissà quanti anni"

Le foto delle ville del premier ad Antigua

La puntata di Report sulle ville del premier nell'isola di Antigua è di "natura offensiva e diffamatoria". Lo sostiene il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che dopo l'inchiesta andata in onda il 17 ottobre su Rai 3, ha dato mandato all'avvocato Fabio Lepri di citare in sede civile "tutti i responsabili dell'illecito". Come annunciato dal legale del premier Niccolò Ghedini sarà "un'azione civile".

"Se avesse scelto la querela, avrei avuto l'immediata possibilità di offrire un'ampia facoltà di prova di quanto è stato sostenuto nella puntata di Report - ha dichiarato la conduttrice del programma Milena Gabanelli replica, in un'intervista al Corriere della Sera - in più una querela si risolve in un tempo ragionevole, le cause civili si sa che fine fanno". Insomma, la denuncia finirà "tenendomi così a bagnomaria per chissà quanti anni".

Secondo l'inchiesta di Paolo Mondani di Report, vista da cinque milioni di spettatori, Berlusconi avrebbe comprato un complesso di ville nell'isola caraibica pagandole a 22 milioni di euro dalla Flat Point Development. Una società sulla quale, rivela l'inchiesta, la Procura di Milano starebbe indagando data "l'opacità dell'effettivo beneficiario in Italia".

Mentre Berlusconi punta il dito contro i talk show "diretti dalla sinistra", l'Agcom diffida il Tg1 e richiama Tg4 e Studio Aperto per il "forte squilibrio a favore della maggioranza e del governo" minacciando ulteriori provvedimenti se la situazione non cambierà. Il Garante per la comunicazione ha avviato le due azioni dopo aver monitorato i dati sul pluralismo relativi a luglio, agosto e settembre 2010.

Leggi tutto