Michele Misseri potrebbe ritrattare la violenza su Sarah

1' di lettura

Il legale dello zio: non l'ha stuprata. Intanto, resta in carcere Sabrina; il gip ha convalidato il fermo della 22enne accusata di concorso nel sequestro e nell'omicidio della cugina. Cosima Spagnolo, sentita per tre ore in Procura: mia figlia è innocente

TUTTE LE IMMAGINI SUL CASO DI SARAH SCAZZI

(In fondo all'articolo tutti i video sull'omicidio di Sarah Scazzi)


Leggi anche:
Michele Misseri accusa la figlia Sabrina
Sabrina: "Mio padre deve pagare"

Convalida del fermo per Sabrina - Per ora Sabrina Misseri resta in carcere. A pesare su di lei, nell'angusta cella della casa circondariale di Taranto dove è guardata a vista ventiquattro ore su ventiquattro, la terribile accusa di aver partecipato con il padre-accusatore, e con un ruolo decisivo, al sequestro e successivo strangolamento della cugina Sarah Scazzi.
Quarta notte in cella, quindi, nonostante abbia dichiarato al gip Martino Rosati, durante l'udienza di convalida del fermo, la sua completa estraneità al delitto e la follia di un padre che l'ha coinvolta in questa vicenda. Il giudice ha sì convalidato il fermo disposto venerdì scorso dalla procura ma si è riservato di decidere entro quarantotto ore se emettere ordinanza di custodia cautelare o disporre la scarcerazione di Sabrina.

Michele Misseri: non ho stuprato Sara - La giornata, peraltro, si è chiusa con un nuovo clamoroso annuncio fatto dal legale di Michele Misseri. Il mio assistito - ha anticipato Daniele Galoppa - non ha stuprato il cadavere di Sara e vuole ritrattare questa dichiarazione. "Il povero Michele -aggiunge poi facendo la rappresentazione di un uomo completamente in balia delle donne - non contava nulla in casa sua, viveva "accerchiato in un gineceo" e "non gestiva neppure un centesimo".

Due ore e mezzo di un serrato interrogatorio, nel corso del quale sono state contestate a Sabrina le circostanze della chiamata in correità da parte del padre, non hanno per ora sciolto gli enigmi. Se la riserva di decisione del gip possa assegnare qualche punto a favore delle speranze di proscioglimento e di libertà di Sabrina è azzardato dirlo. Anche perché potrebbe significare l'esatto contrario, cioè che il gip si è preso il massimo del tempo per motivare un provvedimento di estrema gravità nei confronti della cugina di Sara, come chiesto dalla procura.
"Serena e determinata" è stata definita dai suoi legali la difesa di Sabrina. Su tutti i punti che le sono stati contestati - su tutte le incongruenze con la versione dell'amica Mariangela che il giorno della scomparsa di Sara l'aspettava sotto casa per andare al mare, e le varie accuse mossole dal papà - Sabrina ha opposto la sua verità. Identica a quella che ha sempre professato davanti a taccuini e tv, e che è stata ribadita fin nelle ultime ore da mamma Cosima e sorella Valentina, ma che purtroppo non e' quella denunciata da Michele Misseri.
"Le contraddizioni sugli orari sono apparenti - rileva il suo difensore Vito Russo - Sabrina ha fatto delle puntualizzazioni ed è pronta all'eventuale confronto con il padre". "Comunque - aggiunge - il fatto che il gip si è riservato di decidere, per noi è già un risultato importante".

Contraddizioni che comunque la procura tende a far emergere come dimostra l'attività investigativa che non ha soste. Per tre ore nel pomeriggio la mamma di Sabrina ha risposto come testimone alle domande del pm sui movimenti in casa di Sabrina in quel fatidico 26 agosto. Poi è stata la volta di un amico della giovane, Alessio Piselli, a raccontare cosa gli disse Sabrina il giorno della scomparsa di Sara.
Sullo sfondo l'ennesima versione che Michele Misseri sarebbe pronto a fornire. Il suo legale lo ha nuovamente incontrato: l'ultima verità sarebbe che non c'è stato vilipendio del cadavere di Sara, ossia che è falsa la dichiarazione di uno stupro avvenuto sul corpo inerme della nipote.

Tutti i video sull'omicidio di Sarah Scazzi

Leggi tutto