Tassista in coma, scoppia la polemica

Tassisti a Milano
1' di lettura

La Lega Nord propone di permettere agli autisti di girare armati, ma i candidati alle primarie del Pd si oppongono. Moratti: "L'obiettivo è collegare via radio tutti i taxisti di Milano con la polizia"

E' presto sfociato in una polemica sulla sicurezza tra Lega e centrosinistra il caso del tassista ridotto in fin di vita, oggi a Milano, per aver investito e ucciso un cane. La Lega Nord, con l'eurodeputato Matteo Salvini, ha subito proposto di permettere alla categoria degli autisti di utilizzare strumenti di difesa personale come spray urticanti e sfollagente e ottenere corsie semplificate per il porto d'armi. "Come dimostra quanto avvenuto oggi a Milano - ha detto Salvini - quella del tassista è una professione a rischio, si permetta allora ai tassisti di dotarsi di strumenti di autodifesa, come spray urticanti e sfollagente fino al porto d'armi semplificato".

Le dichiarazioni di Salvini non sono piaciute al centrosinistra. Il candidato alle primarie per il sindaco di Milano Stefano Boeri le ha bollate come "irresponsabili e provocatorie", spiegando che il leghista "trasforma un terribile episodio di cronaca in occasione di campagna elettorale". Anche per l'altro candidato alle primarie, Giuliano Pisapia, "non è più accettabile che Salvini, e altri della Lega e del PdL, dinanzi a fatti anche molto gravi li strumentalizzino e pensino di trasformare Milano in un saloon del Far West". Anziché di armi, Pisapia ha proposto che "i taxi vengano dotati a spese del Comune di dispositivi automatici di allarme che permettano ai tassisti di avvisare, in piena sicurezza personale, le forze dell'ordine".

"Non lasciare soli i tassisti" è la priorità del vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato: "abbiamo fatto un bando per estendere l' installazione delle telecamere sui taxi - ha spiegato - ma ci vuole qualche strumento in più. Dobbiamo trovare, con le forze dell'ordine, normative che diano la possibilità di una maggior tutela alle categorie a rischio, come questa. Quello di oggi è un atto gravissimo". De Corato, che è anche assessore al Traffico, ha annunciato di aver convocato per martedì prossimo il tavolo con i sindacati di categoria per valutare proposte e suggerimenti.

Non è entrata nella polemica Letizia Moratti, che in serata è andata all'ospedale Fatebenefratelli dove è ricoverato, in coma, Luca M..  "Voglio esprimere solidarietà e vicinanza alla famiglia - ha detto il sindaco - nello sgomento per quello che è successo". Ma il sindaco di Milano ha comunque lanciato una sua proposta alternativa: "L'obiettivo - ha dichiarato - è quello di per avere tutti i taxisti di Milano collegati via radio con la centrale operativa della polizia locale oltre che con la loro centrale".
"Formulerò una proposta in tal senso - ha aggiunto - credo che quella delle tecnologie sia la risposta più efficace in materia di sicurezza".

Leggi tutto