Maltempo, piogge e temporali al Centro-Sud

1' di lettura

Ad Agrigento, quattro donne e un bambino, a bordo di un'auto, sono precipitati in un torrente ma sono stati salvati dai vigili del fuoco. Collegamenti interrotti con le isole minori. Forti disagi anche in Sardegna. LE PREVISIONI METEO

GUARDA LE PREVISIONI METEO
L'ITALIA NELLA MORSA DEL MALTEMPO L'ALBUM FOTOGRAFICO

Un'ondata di maltempo sta colpendo le regioni dell'Italia centro meridionale da ieri, domenica 10 ottobre, creando particolari disagi in Sicilia, Sardegna e nelle isole minori, i cui collegamenti sono stati interrotti.

Forti piogge in Sicilia - Ad Agrigento - dove tra l'altro la forte pioggia ha danneggiato i serbatoi di acqua la cui fornitura è stata interrotta - la scarsa visibilità dovuta al maltempo ha rischiato di causare una tragedia: quattro donne e un bambino, a bordo di un'auto, sono precipitati in un torrente ma fortunatamente sono stati salvati dai vigili del fuoco e sono stati portati in ospedale in condizioni pare non gravi.
E sono praticamente isolate Pantelleria e Lampedusa: i traghetti in partenza per le due isole sono rimasti fermi nei porti di Trapani e Porto Empedocle.
Praticamente fermo anche l'aeroporto di Pantelleria dove oltre 200 passeggeri sono bloccati da due giorni poiché, a causa del maltempo, la compagnia Meridiana, che opera i collegamenti, ha modificato i piani di volo.
Domenica pomeriggio è decollato solo un veivolo; molti passeggeri, tra cui un gruppo di persone di ritorno da un matrimonio celebrato nell'isola, attendono di poter fare rientro a casa.
A Lipari, gli aliscafi della Siremar e della Ustica Lines continuano ad attraccare nello scalo alternativo di Punta Scaliddi; per lo scirocco è ancora inagibile l'approdo a giorno. Per Panarea, Stromboli, Ginostra, Alicudi e Filicudi sono ripresi i collegamenti con gli aliscafi, ma si attracca con difficoltà per la precarietà delle strutture portuali. Regolari i traghetti della Siremar e della Ngi da e per Milazzo anche se la banchina di sottomonastero a Lipari per metà è interdetta e quindi non mancano i problemi per l'attracco e la sosta dei mezzi.

Disagi anche in Sardegna - Danni e disagi anche in Sardegna dove la più colpita è la fascia del sud dell'isola: ancora chiusa questa mattina la nuova statale 125 al chilometro 8 a causa di uno smottamento che ha bloccato la carreggiata.
Sono al lavoro gli operai dell'Anas che hanno già riaperto, invece, la SS 554 al bivio di Quartucciu.
Centinaia gli interventi, durante la notte e la mattina, dei Vigili del Fuoco nell'hinterland di Cagliari, a Quartu (allagamenti e muri pericolanti), mentre in tarda mattinata verranno portati in salvo una quindicina di ospiti di un agriturismo di Quartu bloccati da domenica a causa dello straripamento di un torrente.
Ancora disagi sulla strada provinciale 17 per Villasimius, sulla costa orientale in alcuni tratti invasa da acqua e fango.

Venti e temporali sul Centro Italia - La protezione civile avverte che le precipitazioni, anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità, si concentreranno per la giornata di lunedì 11 ottobre sul centro dell'Italia e sulle regioni meridionali e saranno accompagnate da fulmini e forti raffiche di vento.
Nella stessa giornata spireranno inoltre, su tutta la penisola, venti forti, di origine settentrionale sulla Liguria e dai quadranti orientali, con raffiche fino a burrasca, specie sulle zone costiere, sulle regioni centro-meridionali. Possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Leggi tutto