Sarah Scazzi, l'autopsia conferma lo strangolamento

1' di lettura

Ancora in corso gli esami di laboratorio per accertare l’abuso. Intanto la cugina Sabrina si scaglia contro l’assassino, suo padre Michele Misseri: "E' giusto che paghi". Ma “con noi è sempre stato un genitore esemplare”. Sabato i funerali

GUARDA TUTTE LE IMMAGINI SUL CASO DI SARAH SCAZZI

Leggi anche:
Sarah uccisa e violentata dallo zio
"Sarah è morta": la notizia alla madre in diretta tv
Facebook protesta contro 'Chi l'ha visto'
La zia di Sarah: "Non so se in famiglia qualcuno sospettasse"

In fondo all'articolo tutti i video sulla morte di Sarah Scazzi

"E' giusto che mio padre paghi per quello che ha fatto". Sono le poche parole con cui Sabrina, la cugina di Sarah Scazzi e la figlia del suo assassino, ha affidato il suo dolore ai giornalisti attraverso il citofono.
"Nessuno di noi ha mai sospettato niente - dice ancora la ragazza - mio padre ha preso in giro tutta Italia, soprattutto noi". Ma secondo alcune fonti Sarah si sarebbe lamentata delle attenzioni dello zio proprio con Sabrina il giorno prima di venire uccisa.

La famiglia Misseri: "Non sospettavamo di lui" - "Voglio guardarlo in faccia - ha detto poi Sabrina al Tg5, nell'unica intervista televisiva rilasciata - voglio che mi dica quello che fatto". "Ma lui - ha aggiunto piangendo - è ancora vivo mentre Sarah non c'è più".
Chiuse nel loro dolore, la moglie di Misseri Cosima, e le figlie Sabrina e Valentina hanno però voluto rispondere a chi sostiene che loro sapessero e che la famiglia abbia protetto lo zio assassino e violentatore. "In questi 42 giorni - ha scritto Sabrina in un sms inviato al giornalista della trasmissione di Rai uno 'La Vita in diretta', Giacinto Pinto - non ho mai dubitato di mio padre. Ho cominciato a farlo la notte scorsa".
Ma un altro dubbio scuote la comunità di Avetrana: Michele Misseri in passato ha abusato anche delle figlie? "Mio padre - ha scritto ancora Sabrina al giornalista Rai - è stato sempre un padre esemplare. E non ha mai abusato di noi". E al Tg5 ha aggiunto: "Non l'ho mai sentito fare neanche un apprezzamento su Sarah".

Il padre di Sarah - Increduli, oltre che distrutti dal dolore, i genitori di Sarah. "Quello che deve pagare e basta, non ho mai avuto il sospetto di mio cognato Michele e non ho mai parlato con lui in questi giorni, avevo sempre una speranza,ora sto male e basta" le parole del padre della ragazza ai microfoni di Studio Aperto una volta atterrato all'aeroporto di Brindisi per salutare per l'ultima volta la figlia.

L'autopsia e i funerali -
Intanto, i primi risultati dell'autopsia confermano la confessione di Michele Misseri: la ragazzina è morta per strangolamento. Per quanto riguarda la violenza sessuale, bisognerà attendere ancora l'esito degli esami di laboratorio. I funerali di Sarah Scazzi sabato alle 15,30 nello stadio comunale di Avetrana. 

Polemiche su Chi l'ha visto - Federica Sciarelli, criticata duramente per aver dato in diretta durante 'Chi l'ha visto' la notizia della morte di Sarah ai familiari, si difende ospite del Tg di La7. "La madre di Sarah Scazzi si era affidata a 'Chi l'ha visto' e sperava di averre una smentita. Noi quello che speravamo era questo. Che i poltici che oggi si sono espressi criticamente attacchino Federica Sciarelli ma non 'Chi l'ha visto'. C'è una legge, quella sugli scomparsi, che giace in Parlamento: perchè non viene approvata?'".
"Non mi è mai successa una cosa del genere - ha continuato la conduttrice - il problema è questo. Il caso di Elisa Claps insegna, più di un mese dalla scomparsa non è un buon segno". "Eravamo a casa dell'assassino. Avevamo capito che qualcosa era successo. Dopo era in programma una trasmissione di satira - ha concluso - ma ovviamente non era il tono da usare ieri sera".
"Se ho sbagliato mi dispiace - ha detto ancora - ma non è giusto dire che ieri la situazione è sfuggita di mano in trasmissione. La realtà è che la situazione è sfuggita di mano in generale".


Leggi tutto