Rifiuti: manifestanti Terzigno "chiedono aiuto" alla Madonna

Il sindaco di Terzigno Domenico Auricchio (al centro con gli occhiali) insieme ad altri sindaci del vesuviano protestano contro la discarica
1' di lettura

Pellegrinaggio a Pompei delle mamme "vulcaniche" contro la nuova discarica nel comune napoletano. Intanto la Digos ha trovato dodici molotov sul percorso degli autocompattatori. GUARDA IL VIDEO

Guarda anche:
Napoli, torna la monnezza. Ma se n'era mai andata?
L'emergenza rifiuti: tutte le foto

Continuano le proteste nel napoletano contro l'apertura dela seconda discarica a Terzigno, nel parco nazionale del Vesuvio. L'ultima iniziativa delle mamme "vulcaniche", che si lamentano per la puzza e le esalazioni, nonchè per la vicinanza della discarica già attiva ad una scuola elementare, è un pellegrinaggio a Pompei con preghiera alla Vergina del Rosario. A guidare il corteo anche il sindaco di Boscoreale, Gennaro Langella.

Lo sversamento a Terzigno intanto continua regolarmente, malgrado scontri e manifestazioni. Oggi, 3 ottobre, sono state trovate dalla Digos dodici bombe molotov lungo il percorso degli autocompattatori diretti alla discarica. La polizia sta cercando di identificare partecipanti ed autori degli assalti a polizia e carabinieri dei giorni scorsi e gli organizzatori dei raid contro gli autocompattatori distrutti dalle fiamme.

Leggi tutto