Ior, il Papa riceve Gotti Tedeschi e gli esprime fiducia

Gotti Tedeschi, presidente dello Ior, la banca del Vaticano
1' di lettura

Secondo fonti della Santa Sede l'incontro tra Benedetto XVI e il presidente della banca del Vaticano, indagato per presunta violazione delle norme antiriciclaggio, è un chiaro segno di "attestazione di stima e fiducia"

Un saluto, la consegna di un libro, un baciamano: poche parole intercorrono tra Benedetto XVI ed Ettore Gotti Tedeschi, presidente dello Ior indagato per presunta violazione delle norme antiriciclaggio, ma è subito chiaro alle persone a loro più vicine il valore simbolico di quei gesti. Esprimono vicinanza, stima e fiducia da parte del pontefice per il banchiere scelto apposta per dare trasparenza all'Istituto Opere Religiose e cancellare per sempre il ricordo dell'era Marcinkus.

Gotti Tedeschi ha assistito con la moglie Francesca all'ultimo Angelus da Castel Gandolfo (venerdì il Papa rientrerà in Vaticano) e, al termine dei saluti ai pellegrini, lontano dalle telecamere ma comunque alla presenza di numerosi testimoni, si è messo in fila per il baciamano. Consegna al pontefice un suo libro scritto con Rino Camilleri dal titolo suggestivo: "Denaro e paradiso. L'economia globale e il mondo cattolico", edito nel 2004 da Piemme ma ora ristampato da Lindau. La prefazione alla nuova stampa, scritta di suo pugno dal segretario di Stato Vaticano, card.Tarcisio Bertone, era stata pubblicata dall'Osservatore Romano sul numero del 22 settembre, poche ore dopo la notizia dell'apertura dell'inchiesta da parte della Procura di Roma.
E in settimana sarà ascoltato Ettore Gotti tedeschi. nel video qui sotto il punto sull'inchiesta.


Leggi tutto