Arrestato Li Bergolis, il superlatitante boss del Gargano

Franco Li Bergolis nella foto del Ministero degli Interni
1' di lettura

In fuga dal 2009, deve scontare una condanna all'ergastolo per omicidio, armi, droga e mafia. Malgrado i suoi 32 anni, era nella lista dei criminali più pericolosi d'Italia stilata dal Ministero degli Interni

Franco Li Bergolis, super latitante pugliese ricercato dal marzo 2009, è stato arrestato nella mattina del 26 settembre nella sua abitazione a Monte Sant'Angelo, provincia di Foggia.
Considerato la Primula Rossa del Gargano, Li Bergolis è un allevatore di 32 anni: era nascosto dal marzo 2009, quando venne scarcerato per decorrenza dei termini di custodia cautelare dopo essere stato condannato in secondo grado dal tribunale di Foggia all'ergastolo per armi, droga e mafia. Tra le accuse c'è anche l'omicidio di Matteo Mangini, ucciso nel settembre 2001.

Malgrado la giovane età è considerato il capo indiscusso della mafia garganica, tanto da essere incluso dal Ministero degli Interni nella lista dei 30 superlatitanti più pericolosi d'Italia.
Franco è uno dei massimi esponenti della famiglia Li Bergolis, coinvolta da oltre 30 anni nella guerra con la famiglia rivale Alfieri- Primosa.

L'11 luglio scorso, malgrado la latitanza, aveva fatto avere sue tracce inviando una lettera scritta a mano al presidente Napolitano e al ministro Maroni, sostenendo di essere innocente e perseguitato e chiedendo "un processo giusto".
"Come avete fatto a trovarmi? Siete stati bravi, complimenti": con questo parole Li Bergolis avrebbe accolto i carabinieri che hanno fatto irruzione nella sua abitazione del centro storico dove si trovava con moglie e figlia. Il latitante si accingeva a festeggiare il suo anniversario di matrimonio.


Leggi tutto