Pollica, una folla enorme per l'ultimo saluto a Vassallo

La folla rende l'ultimo saluto ad Angelo Vassallo
1' di lettura

Si sono svolti ad Acciaroli i funerali del sindaco ucciso il 5 settembre. Il vescovo: "L'arroganza di alcuni sta abbruttendo la nostra convivenza". Parla Giuseppe Cilento, amico della vittima: "Noi, stretti tra Camorra e 'ndrangheta". Video e foto

Le immagini del funerale di Vassallo
Leggi anche: "Noi, sindaci cuscinetto tra Camorra e ‘ndrangheta" parla Giuseppe Cilento, sindaco e amico di Vassallo

(in fondo al pezzo tutti i video sul caso di Angelo Vassallo)


Poco dopo le 10.30 la bara con Angelo Vassallo, il  sindaco di Pollica ucciso domenica notte dai sicari della camorra, è uscita dalla chiesa della Santissima Annunziata per essere portata  sull'altare allestito sul porto di Acciaroli. La bara è stata portata a spalla da amici, amministratori e familiari, mentre una gifgantografia in tela che raffigura il sindaco-pescatore è stata stesa dalla sommità della torre angioina, situata accanto alla chiesa e a poche decine di metri dal mare. Nella raffigurazione Vassalo indica con un dito il mare, la sua grande passione.

Migliaia di cittadini, turisti, persone provenienti anche da tutto il Cilento hanno preso parte al rito funebre. Tra le istituzioni presenti il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il ministro dell'Ambiente Stefania  Prestigiacomo, il sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano. Tra i politici il segretario del Pd Pierlugi Bersani e il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini.

La messa è stata celebrata dal vescovo di Vallo della Lucania Rocco Favale che, nel corso della sua litania, ha esortato i cilentani a essere "i veri padroni del cilento" e a non "lasciarsi prendere dalla prospettiva degli affari d'oro, soprattutto se derivanti da denaro di dubbia provenienza". L'arroganza di alcuni sugli altri e sulla stessa natura - ha osservato il vescovo - sta abbrutendo la nostra convivenza e la rende invivibile e infelice. Questa sete spregiudicata di  guadagno o questa arroganza di alcuni puo' essere anche fonte di  benessere materiale per loro, ma devono ricordarsi che e' un benessere pericoloso e asfissiante per loro stessi, ma soprattutto per la nostra convivenza umana". "Tenevi stretti i sacrifici fatti dai vostri antenati. Accontentatevi del poco", è stato quindi il suo monito. Il rito funebre si è concluso sotto la pioggia e il vento, e, dalle prime stime, sembra vi abbiano partecipato oltre 5mila persone.


Tutti i video

Leggi tutto