Pollica, sette colpi di pistola hanno ucciso Angelo Vassallo

Angelo Vassallo
1' di lettura

E' quanto emerge dall'autopsia effettuata sul cadavere del sindaco freddato nella notte tra domenica e lunedì. I colpi sarebbero stati sparati a distanza ravvicinata da un’unica arma. Venerdì i funerali nel porto di Acciaroli

Le foto della fiaccolata a Pollica

Nove colpi di pistola sparati a distanza ravvicinata, sette dei quali “andati a segno”. Sarebbe stato ucciso così Angelo Vassallo, sindaco di Pollica, freddato a due passi da casa nella notte tra domenica e lunedì scorsi. È quanto emerge dall’autopsia eseguita sul suo cadavere, ritrovato all’interno dell’auto crivellato di colpi. Dei sette colpi finiti su Vassallo, uno lo avrebbe centrato dritto al cuore. Ora per il medico legale ci sono 40 giorni di tempo per redigere la perizia che conterr anche gli esiti della ricostruzione tridimensionale delle traiettorie, utile a definire con maggiore certezza la dinamica del delitto. Troverebbe conferma anche l'ipotesi dell'impiego di una sola pistola, una calibro 9 per 21, che ha sparato a distanza ravvicinata.

E intanto sono fissati per venerdì, alle 10.30, i funerali. La cerimonia, che sarà officiata dal vescovo di Vallo della Lucania, monsignor Rocco Favale, si terrà nel porto di Acciaroli ma, se le condizioni climatiche dovessero essere proibitive, sarà spostata nella chiesa di Maria SS.dell'Annunziata.

Leggi tutto