Terremoto, paura in Umbria per una scossa di magnitudo 4.0

1' di lettura

Il sisma, fortemente avvertito dalla popolazione, si è registrato intorno alle 9. L’epicentro localizzato tra i comuni di Castel Ritaldi, Trevi e Giano, ad una profondità di 8 chilometri. Dopo le 11, una nuova scossa, ma più lieve. Non si segnalano danni

Due scosse di terremoto a poche ore di distanza una dall'altra hanno interessato parte della provincia di Perugia. La prima, quella più forte, è stata nettamente avvertita dalla popolazione ma non ha provocato alcun danno. La zona interessata dal sisma è quella tra Catel Ritaldi, Montefalco, Trevi e Giano.

La prima scossa, di magnitudo 4.0, è stata registrata dall'istituto nazionale di geofisica alle 9.08 a una profondità di otto chilometri. La gente che vive in quella zona della provincia, ma anche a Foligno e nel perugino, l'ha avvertita nettamente. Qualcuno è pure sceso in strada ma non sono stati registrati momenti di particolare allarme. Più di una cinquantina tuttavia le telefonate con richieste di informazioni arrivate ai centralini del comando provinciale dei vigili del fuco. Immediatamente sono partite le verifiche degli vigili del fuoco e le squadre hanno cominciato i controlli nei centri più prossimi all'epicentro. Mobilitati inoltre come sempre carabinieri, polizia, protezione civile e tecnici degli enti locali.

Alle 11.24 nella stessa area interessata dal terremoto c'è stata poi una nuova scossa, di magnitudo 2.7 secondo l'istituto di geofisica. Anche in questo caso però finora non vengono segnalati danni.

Leggi tutto