Siena, sul Palio aleggia la maledizione dei "quattro verdi"

Siena
1' di lettura

Un turista francese, capo-delegazione di Avignone, ucciso da un colonnino di pietra staccatosi da un balcone. Per gli scaramantici c'è sempre qualcosa di negativo quando corrono insieme contrade con in comune il colore verde. Alla fine ha vinto la Tartuca

E' morto all'ospedale di Siena Alain Enfaux, 77 anni, colpito da un colonnino di pietra staccatosi da un balcone durante la cena propiziatoria della contrada della Civetta in vista del Palio di lunedì 16 agosto. 
L'incidente è avvenuto in piazza Tolomei, nel pieno centro storico della città.
L'uomo era il capo delegazione della città di Avignone, gemellata con Siena, e ospite del Comune. All'ospedale era giunto in condizioni disperate e nonostante le cure dei sanitari è deceduto intorno alle 2.45.
Sarà l'inchiesta, coordinata dal pm Francesca Firrao, a stabilire le cause di quella che è comunque appare una 'fatalita': il traversino si è spezzato a metà, staccandosi dal balcone di un palazzo che ospita una banca, e ha colpito l'uomo che si era appena alzato per vedere meglio il fantino della contrada che stava salutando i presenti. Sotto quel balcone, fino a qualche anno fa, durante la cena lo spazio era dedicato alle tavole dei bambini.

La maledizione- E intanto, sul palio dell'Assunta aleggia la maledizione delle 'quattro verdi'. Secondo la tradizione, infatti, accade sempre qualcosa di negativo quando corrono assieme le quattro contrade che hanno, tra i loro colori, il verde: Bruco, Oca, Selva e Drago. Ne parlano, in queste ore, i vecchi contradaioli di Siena che paventano un Palio che si è rilevato particolarmente difficile fin dalla vigilia; due prove annullate per il maltempo e la morte di Alain Emphoux.

Il Palio - Durante la giornate del 15 erano circolate varie ipotesi sulla corsa, compresa quella di un possibile annullamento: ipotesi subito smentita.
Prima della 'provaccia' si sono riuniti tutti i capitani delle contrade ed è stato deciso di fare un minuto di silenzio prima della prova per ricordare "il francese amico del Palio", che da 40 anni difficilmente perdeva un appuntamento con la corsa.
Per quanto riguarda la corsa, nessuna novità arriva sul fronte dei fantini, tutti confermati.

Alla fine la corsa dell'Assunta c'è stata e l'ha vinta la contrada della Tartuca. Ha trionfato il binomio tra il fantino Luigi Bruschelli, detto Trecciolino (il "Re della piazza", 12 vittorie all'attivo), e il cavallo Istriceddu, dati per favoriti già alla vigilia. Gara in testa dall'inizio alla fine per la Tartuca, seguita fino all'ultimo dalla Civetta. La Tartuca ha bissato il successo ottenuto nel luglio 2009.

Leggi tutto