Troppi divieti sulla spiaggia. I bagnanti si ribellano

spiaggia
1' di lettura

Il comune di Caorle, in provincia di Venezia, ha deciso di sanzionare con pesanti multe una serie di comportamenti. Troppi, secondo i vacanzieri che ora hanno scritto una lettera di lamentele al sindaco

In spiaggia è vietato giocare a pallone, ascoltare la radio, lanciarsi gavettoni o prendere il sole sulla battigia. Una serie di regole imposte dall'amministrazione comunale di Caorle, in provincia di Venezia, che hanno seminato il malcontento tra i bagnanti della località adriatica. Nei giorni scorsi è stata scritta una lettera al sindaco per lamentarsi di quello che viene vissuto come un eccesso. Anche perché infrangere il regolamento può costare caro; come hanno scoperto a loro spese due turisti, costretti a pagare una multa salata per aver preso il sole sul bagnasciuga.

Leggi tutto