Trenitalia: ecco le norme per viaggiare sicuri

1' di lettura

Le ferrovie lanciano l'iniziativa Treni e sicurezza: tutte le regole per evitare spiacevoli sorprese durante le vacanze

In stazione mai comprare biglietti da sconosciuti, non perdere d'occhio il bagaglio, in treno non accettare cibo da venditori abusivi, e se si viaggia di notte chiudere bene la cabina nei vagoni letto. Suggerimenti di massima indirizzati ai 20 milioni di viaggiatori del periodo delle vacanze, tanti ne stima Ferrovie dello Stato, tenendo conto che nei primi 15 giorni di luglio si sono contate oltre due milioni di partenze in treno.

Però - evidenziano Polizia e Fs che hanno stampato anche quest'anno la brochure "Treni e sicurezza" in italiano e in inglese - evidentemente ripeterli giova se i furti e le rapine su treni e in stazione sono calati vistosamente in tutte le stazioni. Nella Capitale, alla stazione Termini "dal 2007, da quando la campagna ha preso il via - spiega il vice questore Luigia De Astis del compartimento Polfer di Roma - si sono avuti risultato molto importati, con un calo dei furti del 71%".

Eppure, è la raccomandazione, bisogna mantenere la guardia alta, per non finire tra gli sfortunati che finiscono derubati, tra luglio 2009 e luglio di quest'anno - stima la Polfer - sono stati uno ogni 500 treni. La brochure contiene oltre ai consigli un grafico con la flessione dei furti ai danni dei viaggiatori dal 2008 e mette in guardia dai ladri che, viene spiegato, approfittano dei momenti di confusione, della salita e discesa dai treni, nascondono la mano lesta con giacche o giornali. Sono, inoltre, stampati i numeri per le emergenze.

La Polizia garantirà, nonostante le ferie, gli stessi livello di servizio del resto dell'anno. E anche Fs, come sottolinea il Capo della Sicurezza, Franco Fiumara, "per il periodo estivo fornirà, a supporto della Polizia, 400 addetti". "Negli anni - osserva - i furti si sono praticamente dimezzati, e le persone assicurate alla giustizia sono aumentati, ma si tratta di reati spesso reiterati: quindi attenti ai 'lof', i ladri operanti in ferrovia".

Confortano i dati della Polfer: nei primi 5 mesi dell'anno (l'ultimo bilancio disponibile) grazie anche a questi accorgimenti c'è stato un vistoso caldo dei reati. In particolare le rapine denunciate ai danni dei viaggiatori sono state un terzo in meno. Mentre i furti in stazione sono diminuiti del 32%, quelli a bordo dei vagoni letto del 38%. Per quanto riguarda l'azione repressiva, sono state arrestate 1053 persone (869 stranieri), le denunce sono state 4.122, le persone identificate 395.349.

Leggi tutto