Duisburg, il ritorno a casa dopo la tragedia

1' di lettura

Irina, ferita alla Love Parade, oggi torna nella sua Torino. A Brescia, invece, parenti e amici piangono la morte di Giulia: venerdì i funerali. Polemiche contro gli organizzatori del festival, si indaga per omicidio colposo

Love parade:
TUTTE LE NOTIZIE - TUTTE LE FOTO
I VIDEO SENZA COMMENTO
LE REAZIONI UFFICIALILE TESTIMONIANZE

"Era felice di partire, ora siamo distrutti e resta solo l'angoscia". Nonna Luigia, quasi novantenne, parla della sua nipotina. Parla di Giulia, che sabato pomeriggio nel tunnel che portava allo spiazzale della Love parade ha perso la vita, insieme ad altri 18 giovani provenienti da mezza Europa. I funerali della 21enne si terranno a Brescia venerdì alle 15.30.

"Mi ha salutato la sera prima di partire. Doveva andare in Olanda con l'amica Irina, ed è solo un caso se si è fermata a Duisburg", racconta con la nonna. Era partita per festeggiare la fine degli esami universitari; studiava Moda e Design al Politecnico di Milano.
Ora, però, nella casa di famiglia nel centro storico di Brescia restano solo dolore e lacrime. La mamma di Giulia, la sorella e i parenti restano stretti tra le quattro mura di quel palazzo antico a due  piani. Persiane chiuse, portone sbarrato, mentre il via vai di  conoscenti incredulo ripete che "Giulia era una brava ragazza".

Oggi, invece, fa ritorno a casa, in provincia di Torino, Irina di Vincenzo. Lei è stata più fortunata di Giulia. E' rimasta ferita nella calca mortale creatasi sotto al tunnel. ma ne è uscita viva. E ora, oltre al dolore e alla lacrime c'è la rabbia per una "tragedia che poteva essere evitata", dice la ragazza che punta il dito contro l'organizzatore.

Mentre infuria la polemica sugli interventi che avrebbero potuto evitare la strage di giovani alla Love Parade di Duisburg, la magistratura tedesca ha cominciato il suo lavoro sequestrando tutto il materiale relativo all'evento. E la procura indaga per omicidio colposo.


Le vittime della Love Parade - 19 foto di ragazzi e ragazze per lo più giovanissimi. Così il sito online di Build commemora le vittime della tragedia della Love Parade a Duisburg. "Erano venuti per fare festa alla Loveparade di Duisburg - scrive il  giornale - avrebbe dovuto essere il party della loro vita. Invece 19  giovani hanno trovato la morte". Guarda le foto pubblicate sul quotidiano tedesco.




Guarda i video con tutti gli aggiornamenti sulla tragedia alla Love Parade:

Leggi tutto