Il bavaglio? Su Internet non è stato rimosso, anzi

1' di lettura

Con le ultime modifiche al ddl "per i blog e per la Rete non è cambiato nulla" spiega Peter Gomez, direttore de Ilfattoquotidiano.it. E aggiunge: "La rete ti permette di conoscere. E questo non piace". GUARDA L'INTERVISTA

Ddl intercettazioni: l'album fotografico
Legge bavaglio, vai allo speciale

"Non è vero che il bavaglio è stato sciolto. In realtà è stato allentato. Dal punto di vista della stampa rimangono tuttora grandi problemi; per quanto riguarda Internet, invece, rimangono tutti i problemi".
Peter Gomez, direttore de Ilfattoquotidiano.it , commenta così le ultime modifiche apportate al disegno di legge sulle intercettazioni e non usa mezzi termini: "Negli ultimi giorni la stampa e i parlamentari sia di opposizione che di maggioranza, hanno raccontato bugie".

Il giornalista, tra i fondatori de Il fatto quotidiano , punta inoltre il dito contro altri problemi che interessano la Rete.
Il wi-fi, ad esempio, "non è sviluppato perché abbiamo ancora delle leggi antiterrorismo che risalgono all'11 settembre e in buona parte degli altri Paesi d'Europa non esistono più". Inoltre, in Italia "si è deciso di non sviluppare la banda larga, riducendo gli stanziamenti che erano previsti. E questo - sottolinea il direttore del fattoquotidiano.it - è avvenuto per due fattori. Da una parte per ragioni economico-commerciali; Internet corre il rischio di scalzare lo strapotere dei monopoli televisivi, che nel nostro Paese sono due: Rai e Mediaset. Dall'altra parte, invece, io credo che la conoscenza renda liberi: alla base di ogni democrazia liberale sta il principio secondo cui 'bisogna conoscere per deliberare'. Internet ti permette di conoscere. E questo non piace".

Peter Gomez commenta poi il successo de il Fatto Quotidiano, grazie al suo esordio sul web.



Leggi tutto