Tommy, la Cassazione conferma: 20 anni a Raimondi

Salvatore Raimondi, l'ex pugile dilettante che nel marzo del 2006 rapì il piccolo Tommaso Onofri
1' di lettura

Salvatore Raimondi agì con la complicità di Mario Alessi, condannato all'ergastolo, e della compagna di questi, Antonella Conserva, condannata a 30 anni. L'ex pugile rapì Tommaso Onofri nel 2006. Il piccolo, di 18 mesi, fu ucciso poco dopo il sequestro

La Corte di Cassazione ha confermato i 20 anni di carcere a Salvatore Raimondi, l'ex pugile dilettante che nel marzo del 2006 rapì a Casalbaroncolo (Parma) il piccolo Tommaso Onofri che fu ucciso pochi minuti dopo il sequestro sul greto del fiume Enza.
Ne dà notizia la Gazzetta di Parma. Il legale di Raimondi, Franco Cavalli, aveva presentato ricorso in Cassazione per ottenere uno sconto di pena in considerazione del fatto che il suo assistito era stato il primo a confessare il delitto alle forze dell'ordine che lo avevano fermato per interrogarlo.

Raimondi aveva agito con la complicità di Mario Alessi, condannato all'ergastolo, e della compagna di questi, Antonella Conserva, condannata a 30 anni. Condanne confermate in appello. L'ex pugile ha sempre sostenuto di non aver ucciso il piccolo Tommaso, di appena 18 mesi, attribuendo la responsabilità materiale della morte ad Alessi, ma la Corte d'Assise di Parma era giunta alla conclusione che entrambi i rapitori devono essere considerati responsabili del delitto, e anche per i giudici della Corte d'Appello di Bologna è impossibile stabilire chi sia stato l'esecutore materiale del delitto.
Raimondi era stato giudicato in primo grado con il rito abbreviato che prevede uno sconto di pena di un terzo. Questo spiega perché la pena per l'ex pugile sia più bassa rispetto agli altri due complici.

Guarda anche:
Il sequestro e l'omicidio del piccolo Tommy: le foto
Tommy, la “foresta silenziosa” del web non ha dimenticato
Paolo Onofri ricoverato in stato vegetativo
Tommy, pubblicate le motivazioni della sentenza di primo grado

Leggi tutto