La città nuoce gravemente alla salute

1' di lettura

Molto popolate, "anziane" e colpite da malattie che potrebbero essere evitate. Questa la fotografia scattata dal Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 sullo stato di 15 città. Roma è la più verde al mondo, ma è record di motorini

In quasi tutte le aree metropolitane italiane, a eccezione di Bologna e Firenze, si registrano valori superiori del tasso di mortalità rispetto alla media nazionale, sia  per gli uomini che per le donne. E la 'maglia nera' spetta a una delle città più discusse sul fronte ambiente e salute, Napoli.

E' quanto  emerge dalla prima edizione del Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010, presentato oggi a Roma e redatto dall'Osservatorio nazionale per la salute nelle Regioni Italiane, che ha sede presso  l'Università Cattolica di Roma, coordinato da Walter Ricciardi,  direttore dell'Istituto di Igiene della Facolta' di Medicina e  Chirurgia.

Quindici città in tutto (Torino, Milano, Venezia, Trieste, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio Calabria, Palermo, Messina. Catania e Cagliari): le nostre aree metropolitane sono trafficate, poco "verdi", con una mobilità pubblica non ben sviluppata e sofferenti rispetto al resto del
Paese, anche a causa del maggior numero di abitanti che risiedono nei loro territori. Residenti che, fatta eccezione per Bologna e Firenze, muoiomo di più che nel resto d'Italia.


Città vecchie -
Le città metropolitane italiane invecchiano. Cresce infatti l'indice di vecchiaia mentre si
accentua la denatalita' rispetto al resto del Paese. Napoli è la città più giovane mentre Trieste è la più vecchia.
Il capoluogo campano ha infatti le più basse percentuali sia di uomini, 7,27%, che di donne, 8,26%, tra i 65 e i 74 anni. La città giuliana ha invece il 13,19% di uomini e il 14,36% di donne nella stessa
fascia d'età.

Città sane, secondo l'Oms - Torino, Milano,  Venezia, Genova, Bologna, Firenze e Roma. Sono le sette 'città sane'  d'Italia, tutte concentrate al centro-Nord e nessuna al Sud, le uniche cioè che hanno aderito ai dettami dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) per mantenere l'ambiente urbano vivibile e salutare.

Roma, tra spazi verdi e traffico - Roma è la città più verde al mondo, ma paralizzata dai problemi del traffico che quasi annullano i benefici di prati e alberi sparsi sul territorio.
"Roma - ha detto oggi Walter Ricciardi, direttore dell'Istituto di Igiene della facoltà di Medicina e chirurgia presentando il rapporto - è seconda solo a Oslo per quantità di spazio verde a disposizione dei  cittadini. Ma la Capitale norvegese ha solo mezzo milione di abitanti.
Ma ecco l'altro lato della medaglia: Roma presenta un tasso altissimo di motorizzazione degli autoveicoli, indicativo del numero  i automobili e di veicoli circolanti ogni 1.000 abitanti. Il tasso  registrato nel 2008 è il più elevato a livello territoriale e pari a 706,7 per 1.000 contro un tasso medio nazionale di 616,7. Nell'area  capitolina circola anche un gran numero di motocicli, pari a 143,7 per 1.000, contro un tasso medio nazionale di 124,7.

Leggi tutto