Linate, disagi per un incidente: aeroporto chiuso per un'ora

1' di lettura

Lo scalo milanese è rimasto inagibile per permettere il recupero di un velivolo privato che ha avuto un problema in pista. Incidente analogo anche all'aeroporto di Orio al Serio

Giornata critica oggi per gli aeroporti lombardi a causa di incidenti, fortunatamente senza conseguenze, causati da due piccoli velivoli, entrambi in fase d'atterraggio, che hanno comportato la chiusura degli scali, anche se per un breve periodo. Il primo incidente è accaduto nel pomeriggio nell'aeroporto milanese di Linate: un piccolo aereo si è girato in pista in fase di atterraggio, creando anche qualche momento di paura. Il pilota, che viaggiava solo, non ha subito conseguenze, ma lo scalo è rimasto chiuso per circa un'ora per consentire agli adetti alla sicurezza di rimuovere il velivolo. Poi, lo spazio aereo è stato riaperto e i movimenti sono ricominciati con regolarità.

Incidente fotocopia, poco dopo, nell'aeroporto bergamasco di Orio al Serio. Anche in questo caso, all'origine dell'apprensione un aereo piccolo: un bimotore leggero, modello Piper PA-Seneca, con a bordo il solo pilota, in fase di atterraggio ha avuto un problema allo pneumatico sinistro del carrello principale. Sono intervenuti immediatamente i mezzi dei vigili del fuoco, con le squadre di soccorso e di emergenza che hanno provveduto a rimuovere il velivolo con la ruota danneggiata. Nessuna conseguenza, come a Linate, per il pilota. La pista principale dell'aeroporto bergamasco è stata chiusa per 40 minuti e riaperta alle 20, quando il traffico e' ripreso regolarmente. In questo lasso di tempo due voli, uno proveniente da Napoli di Air Italy e l'altro da Dublino di Ryanair, sono stati dirottati a Brescia Montichiari e successivamente riposizionati sull'aeroporto di Orio al Serio con a bordo i rispettivi passeggeri.

L'incidente milanese ha provocato la veemente reazione di Giuseppe Bonomi, presidente di Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa. Bonomi ha chiesto che i velivoli "al di sotto dei 4mila chilogrammi vengano posizionati in aeroporti minori". "Non è possibile - ha detto il presidente di Sea - che il terzo aeroporto italiano sia condizionato da movimenti di aeromobili che possono pregiudicare l'operatività ordinaria in sicurezza".

Leggi tutto