Intercettazioni, “perché scendere in piazza oggi”

1' di lettura

Peter Gomez, giornalista di cronaca giudiziaria, spiega perché il disegno di legge sulle intercettazioni è “un bavaglio” per l’informazione. Oggi sarà tra i relatori della manifestazione organizzata a Milano (in contemporanea con quella di Roma)

DDL INTERCETTAZIONI: LO SPECIALE

Nel giorno in cui la stampa scende in piazza contro il disegno di legge che limita l’uso e la pubblicazione delle intercettazioni, che approderà alla Camera il 29 luglio, il giornalista de Il Fatto Quotidiano Peter Gomez interviene a SkyTG24 mattina ed illustra quali sarebbero per l’informazione le conseguenze del provvedimento. Oggi Peter Gomez sarà uno dei relatori della manifestazione organizzata a Milano contro il ddl, in concomitanza con quella di Roma. Insieme con lui Carlo Smuraglia, Guido Besana, Vincenzo Consolo, Daniele Biacchessi, Mimmo Lombezzi, Federico Sinicato, Guido Scorza, Lorenzo Fazio, Gilberto Pagani, Piero Colaprico. A Roma la manifestazione sarà condotta da Tiziana Ferrario con Ottavia Piccolo.

Guarda anche:
Intercettazioni, lo sciopero della stampa resta il 9 luglio
Giornalisti pronti alla resistenza civile

Leggi tutto