Gli amici e la tv piangono "o' guerriero"

1' di lettura

Pietro Taricone è morto a 35 anni dopo un incidente con il paracadute. Il ricordo dei compagni del “Grande fratello” e del mondo dello spettacolo. La commozione di Roberto Saviano

GUARDA LA FOTOGALLERY

In fondo all'articolo tutti i video

Fu il vero protagonista della prima edizione del “Grande Fratello” in Italia, la più esplosiva; era diventato un'icona della nuova tv. E` morto Pietro Taricone, a soli 35 anni; l`attore è deceduto dopo le fratture riportare da un incidente avvenuto durante un lancio col paracadute vicino Terni.

La morte di Taricone ha gettato nello sconforto l'intera popolazione di Trasacco (L'Aquila), paese nativo dei genitori Rita e Francesco, dove Pietro ha trascorso alcuni anni della sua infanzia e dove tornava spesso per abbracciare la nonna Iole, alcuni zii ed altri parenti, ma soprattutto tanti suoi amici. Dal momento dell'incidente e per tutta la notte i cittadini di Trasacco hanno sperato in un miracolo. Alle prime luci dell'alba poi, la notizia si è diffusa in un baleno nel popoloso centro del Fucino.

Daria Bignardi: “Una carriera a colpi di no”- "Credo che cercasse di fare l'attore seriamente, che abbia detto molti no, che abbia lottato per non essere spersonalizzato o appiattito, per vivere secondo la sua identità". Cosi' Daria Bignardi, che presento' nel 2000 la prima edizione del Grande Fratello, descrive Pietro Taricone in un'intervista al Corriere della Sera. La presentatrice ne ripercorre le tappe della carriera dopo la partecipazione al primo Gf. "L'ho visto nel film di Muccino, Ricordati di me, e nella recente fiction su Raiuno, Tutti pazzi per amore, e l'ho trovato irresistibile - dice -. Ho apprezzato la sua coerenza. Era lo stesso che quando è uscito dalla Casa ha provato a cercare una sua strada. Non era molto a suo agio negli studi televisivi e voleva fare l'attore. Non penso sia stato facile per lui, ma in parte ci e' sicuramente riuscito". "Quando è venuto alle Invasioni Barbariche, tre o quattro anni fa, è stato un bell'incontro - prosegue -. Mi ricordo di aver pensato che le persone intelligenti non ti deludono mai"

Barbara D’Urso: “Il mio simpatico amico ribelle” -"Oggi è una mattinata triste. La morte di Taricone ha colpito me e tutti i miei collaboratori". Lo ha detto Barbara D'Urso commentando la morte dell'ex concorrente del Grande Fratello: "Era un amico. Era simpatico, sempre allegro, a volte bizzarro, un vero ribelle. Aveva scelto di vivere lontano dallo star system -ha aggiunto - vicino alla alla sua famiglia, alla terra e ai suoi amati cavalli".


Saviano: "Mi mancherai Pietro compagno di liceo"-  "Sono profondamente addolorato per la scomparsa di Pietro Taricone. Abbiamo frequentato a Caserta la stesso liceo, io e Pietro, il liceo scientifico Diaz". Cosi' Roberto Saviano ricorda commosso il compagno di scuola, reso famoso dal Grande Fratello, che e' scomparso: "Mi mancherai". "Lo ricordo quando eravamo adolescenti, lui era rappresentante di istituto, un ragazzo carismatico, solare e un po' guascone. Nella Caserta di quegli anni la sua ribalta sconvolse tutti, si senti' aggredito da tanto successo, una luce che la nostra terra non e' abituata a ricevere. E lui sulla soglia del circo mediatico - continua Saviano - seppe prendersi il suo tempo, scegliere il suo percorso, approfittare dell'opportunita' avuta per studiare e migliorarsi. Non farsi ferire dalla bile o dalle accuse per il successo che in certe parti d'Italia e' la colpa peggiore. Amava volare, 'perche' il cielo non tradisce' come ogni paracadutista sa. A tradirlo e' stato l'atterraggio, e' stata la terra". E aggiunge lo scrittore: "Soffro per non essere riuscito a ringraziarlo, perche' all'indomani delle critiche rivoltemi da Berlusconi, mi difese pubblicamente, cosa non scontata per chi viene dalla nostra provincia. Mi manchera' riconoscere nei sui sguardi e nel suo atteggiamento l'inconfondibile matrice della mia terra, mi manchera' guardandolo ricordare la nostra adolescenza, le manifestazioni a scuola, le gite. Quella vita che lo attraversava e mi contagiava. Addio Pietro, addio guerriero".


"I miei ricordi di Pietro sono quasi tutti legati al “Grande Fratello” perchè, a parte una cena insieme dopo quell'edizione, non ci siamo frequentati mai in privato. Era un uomo carismatico e colto". Cosi' l'ex vincitrice della prima edizione del "Grande Fratello", ricorda Pietro Taricone, scoparso nella notte all'ospedale Santa Maria di Terni, dove era stato trasportato dopo un gravissimo incidente con il paracadute. Poi la Plevani, con cui l'attore ha avuto un breve flirt all'interno del reality, aggiunge: "Ora che non c'è più tutti lo osannano, anche se sui giornali in passato lo hanno criticato molto per la sua forte “meridionalità”. E' il momento di lasciarlo in pace".

"Pietro era un ragazzo sincero ed è questo il ricordo che di lui conserverò". Lo die Antonio Marziale, presidente dell'Osservatorio dei diritti sui Minori,consulente della Commissione parlamentare per l' Infanzia, ricordando Taricone. "La televisione - aggiunge - lo aveva deluso ed era arrabbiato con quanti, in quel mondo, gli avevano creato false illusioni. Nelle diverse occasioni d'incontro - continua Marziale - mi ha costantemente ribadito il proprio dispiacere per le tante promesse mancate, spronandomi a perseverare nella denuncia degli eccessi televisivi e soprattutto a comunicare agli adolescenti che per ottenere risultati occorre studiare e prepararsi adeguatamente".

TUTTI I VIDEO SULLA MORTE DI PIETRO TARICONE

Leggi tutto