Enac, ecco i dati di traffico del 2009 degli scali italiani

I 48 aeroporti italiani
1' di lettura

L'Ente nazionale per l'aviazione civile stila la classifica dei 48 aeroporti del nostro Paese. Molte variazioni negative rispetto al 2008. Fiumicino si conferma primo per traffico passeggeri e movimenti. Agli ultimi posti Biella: in un anno 18 viaggiatori

di Valeria Valeriano

Molti segni negativi, solo una quindicina di più. L’Enac, Ente nazionale per l’aviazione civile, diffonde i dati di traffico del 2009 dei 48 aeroporti italiani. Tante le variazioni negative rispetto all’anno precedente. Ad aprire la classifica è Fiumicino, primo sia per numero totale di passeggeri (più di 33 milioni) sia di movimenti (318 mila). Ma l’aeroporto romano registra un calo in entrambi gli ambiti: -4 e -6,5 percento rispetto al 2008. Seguono gli scali milanesi. Malpensa supera i 17 milioni di viaggiatori (-8,8%) e Linate gli 8 (-10,5%). A questo punto la graduatoria in base ai movimenti (decollo o atterraggio) si differenzia da quella in base ai passeggeri. Ai piedi del podio tra le strutture più frequentate si piazza Bergamo, l’unico tra i primi sette scali con una variazione positiva rispetto all’anno precedente (+10,5%). Orio al Serio, sfondando i 7 milioni di viaggiatori, ruba il posto a Venezia (-2,8%) che si deve accontentare della quinta piazza. Seguono Catania (-1,9%) e Napoli (-5,1%), gli ultimi aeroporti a raggiungere i 5 milioni di passeggeri.

Nella fascia intermedia, che va da 1 a 5 milioni di viaggiatori, si collocano sedici scali. Quelli col segno più sono nove: Bologna, Pisa, Cagliari, Bari, Treviso, Lamezia Terme, Alghero, Brindisi e Trapani. I 25 aeroporti che rimangono sono sotto il milione di passeggeri. Trieste guida questa fascia bassa con meno di 700 mila viaggiatori. Solo sette hanno una variazione positiva rispetto al 2008: Ancona, Pescara, Lampedusa, Cuneo, Perugia, Foggia (+131%, la migliore dell’elenco) e Siena. A chiudere la classifica sono Tortolì (dati non disponibili), Vicenza e Aosta (entrambi chiusi nel 2009). Subito sopra, al 45° posto, c’è Biella. In un anno l’aeroporto ha registrato nove movimenti e visto passare diciotto viaggiatori, dieci ad ottobre e otto a dicembre. "Veloce nelle operazioni di arrivo e partenza, riconsegna dei bagagli in tempi minimi, nessuna congestione", si legge sul sito. Lo scalo, come tutti gli altri, sta in piedi anche grazie a soldi pubblici ma i poliziotti, i vigili del fuoco e i controllori, ad esempio, lavorano in concreto solo poche ore all’anno. Situazione simile a quella di altri aeroporti. Taranto, per citarne uno, ha racimolato 365 passeggeri. Con il suo -87,4 percento rispetto al 2008 si aggiudica la variazione peggiore della graduatoria. Male anche Salerno (-78%), Crotone (-42,1%) e Forlì (-31,6%). Non se la passa bene neppure Brescia (-21,7%). Lo scalo, nato più di dieci anni fa con l’ambizione di fare concorrenza a quelli milanesi, è fermo al 31° posto della classifica Enac con meno di 200 mila viaggiatori. Deve fare i conti con Bergamo e Verona, troppo vicini e preferiti dalle compagnie aeree.

Tra le venti regioni, solo Molise e Basilicata non hanno scali. Per ora, perché ci sono progetti per realizzarne uno sulla piana di Cantalupo nel Sannio e far diventare Pisticci aeroporto civile. La Campania è il territorio che, per estensione ed utenza, ha meno strutture (due: Napoli e Salerno). Le regioni più coperte sono la Sicilia (Catania, Palermo, Trapani, Lampedusa, Pantelleria) e la Toscana (Pisa, Firenze, Grosseto, Elba, Siena). Seguono, con quattro scali, Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna e Puglia. Tre aeroporti ciascuno per Calabria e Piemonte, due per Liguria, Lazio e Toscana, uno per le sei regioni che rimangono.

In totale, nel 2009, i passeggeri negli scali italiani sono stati poco meno di 130 milioni. In calo del 2,3 percento rispetto al 2008. In discesa, del 5,9 percento, anche i movimenti aerei commerciali (trasporto di linea, charter e aerotaxi), largamente sotto il milione e mezzo. Il traffico nazionale si è concentrato su Fiumicino, Linate e Catania. Quello internazionale sempre sull’aeroporto romano, su Malpensa e su Bergamo. Lo scalo milanese è invece primo per il trasporto cargo (merce e posta). Con 344 mila tonnellate, precede Fiumicino (quasi 139 mila) e Bergamo (circa 85 mila). Malpensa ha anche il primato per i voli charter (più di un milione e mezzo di passeggeri), seguita da Fiumicino (970 mila) e Verona (959 mila). La leadership per gli aerotaxi spetta a Olbia (quasi 14 mila viaggiatori). Staccate ci sono Venezia (8 mila), Ancona e Firenze (entrambe poco sotto i 6 mila).

L’Italia nel 2008 occupava, tra i Paesi europei, il quinto posto per numero di passeggeri in transito nei suoi scali. Al primo c’era il Regno Unito, poi Germania, Francia e Spagna. L’aeroporto con più passeggeri era Londra-Heathrow (quasi 70 milioni). La classifica continuava con Parigi-Charles de Gaulle (poco più di 60 milioni), Francoforte-Meno (circa 53 milioni), Madrid-Barajas (50 milioni) e Amsterdam-Schiphol (più di 47 milioni). Sesta piazza per Roma Fiumicino (meno di 35 milioni), diciassettesima per Milano Malpensa (circa 19 milioni). Tenendo fermi i dati europei al 2008 ma aggiornando quelli italiani al 2009, la situazione è anche peggiore. Fiumicino, infatti, scenderebbe al nono posto. Milano al ventunesimo.

LEGGI ANCHE:
In Italia troppi scali inutili: in arrivo il piano nazionale

Leggi tutto