Caso Marrazzo: picchiata la trans Natalì

Natalì
1' di lettura

Sarebbe stata aggredita venerdì notte da un cliente ubriaco. Sospetta frattura a una mano. Apparentemente nessun collegamento con il caso dell'altra trans, Roberta, trovata morta

E' ricoverata a Villa San Pietro, per una sospetta frattura alla mano, Natalie, il trans che il 3 luglio del 2009 ospitò nel suo appartamento di via Gradoli per un incontro intimo Piero Marrazzo, poi sorpreso e filmato con un cellulare da due carabinieri 'infedeli'. Il viado brasiliano, questa mattina, poco dopo le 4, sarebbe stato aggredito e picchiato a colpi di bastone da un cliente, probabilmente drogato, all'altezza di un distributore di benzina di Ponte Milvio. Prima di perdere i sensi, Natali avrebbe notato l'arrivo di una pattuglia dei carabinieri che hanno provveduto a sollecitare l'intervento di un'ambulanza per i soccorsi. Non è chiaro se i militari siano riusciti anche a fermare l'uomo che, secondo Natali, durante l'aggressione avrebbe fatto riferimento al caso Marrazzo. Della vicenda è stato informato l'avvocato Antonio Buttazzo, difensore di Natali: "Sono stato svegliato stamane, e non sono in grado ancora di capire bene che cosa sia successo. Certo che sto cominciando a preoccuparmi anche perché un altro trans è stato trovato morto ieri. Vorrei capire bene i motivi dell'aggressione subita da Natali, il suo racconto è parecchio confuso". "Sono piena di dolori, sono stata
brutalmente picchiata".

Secondo le prime ricostruzioni del legale legale della trans, Antonio Buttazzo Natalì è stata caricata su un auto di lusso, da un signore distinto e ben vestito, che chiedendole una prestazione sessuale l'ha fatta salire in macchina nei pressi della moschea di Forte Antenne a Roma, dove la trans lavora. Dopo aver percorso un breve tratto di strada l'uomo si e' fermato ad un distributore di benzina con la scusa di dover fare carburante, e ha tirato fuori un bastone di legno picchiando Natali' e urlandole: "ora chiama Marrazzo".

Il distributore di benzina dove Natalì è stata aggredita si trova poco distante dalla stazione dei carabinieri di Tor di Quinto, ha riferito ancora l'avvocato. Natalì era diretta in macchina con il suo aggressore verso la propria abitazione, quando al distributore è stata picchiata selvaggiamente subendo ferite alla nuca e su tutto il corpo. La trans ha perso i sensi, mentre l'uomo è scappato. Subito dopo Natalì ha chiamato i carabinieri che l'hanno immediatamente soccorsa. Al momento la trans èricoverata all'ospedale Villa San Pietro di Roma con varie contusione ed una sospetta frattura scomposta al polso destro.

Leggi tutto