Abusi su prostitute: domiciliari per due finanzieri a Milano

1' di lettura

I due ufficiali coprirono episodi di violenza sessuale consumati ai danni di prostitute da parte di militari della Guardia di Finanza. L'accusa per gli agenti è aver ostacolato le indagini sui comportamenti illeciti dei loro dipendenti

Il Nucleo di Polizia Tributaria  della Guardia di Finanza di Milano ha eseguito la misura degli arresti domiciliari, emessa dal Gip del Tribunale di Milano, Chiara Valori,  nei confronti di due ufficiali del Gruppo Pronto Impiego di Milano. Si tratta di uno sviluppo dell'inchiesta dei Pubblici Ministeri Marco  Ghezzi e Cristiana Roveda della Procura della Repubblica di Milano,  concernente episodi di violenza sessuale consumati ai danni di  prostitute da parte di militari del Corpo. I due ufficiali sono accusati di aver ostacolato le indagini sui comportamenti illeciti dei loro dipendenti e per questo, nei loro confronti sono contestati i  reati di favoreggiamento, minacce e falso ideologico.

Leggi anche:
Stupri: "il pericolo maggiore non è la strada"

Ogni giorno a Milano una donna viene stuprata
Paola: "Lo stupro ti uccide, la denuncia è l'unico riscatto" 
Violenza sessuale: a chi chiedere aiuto

Leggi tutto