Inchiesta appalti, spunta un palazzo svenduto a Lunardi

1' di lettura

Secondo l'archietto Zampolini, nel 2004 l'arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe avrebbe venduto all'allora ministro delle Infrastrutture un immobile di quattro piani per un quarto del suo valore reale


Inchiesta appalti: l'album fotografico

L’attuale arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, l’ex ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi e un palazzo di quattro piani in via dei Prefetti a Roma, a cinquanta metri dalla Camera. Sono gli elementi del nuovo caso che emerge dall’inchiesta di Perugia sulla “cricca” e sugli immobili ceduti a politici a prezzi agevolati nell’ambito della vicenda degli appalti per i “grandi eventi”. Lo riporta il Corriere della Sera, citando un verbale dell’architetto Angelo Zampolini.
Zampolini ha dichiarato che era un monsignore a gestire le case romane in affitto per conto di Propaganda Fide, in stretto contatto con Angelo Balducci e Diego Anemone. Il prelato, secondo Zampolini, “si occupava delle assegnazioni, mentre i contratti di vendita erano firmati dal cardinale Crescenzio Sepe. Nel 2004 fu proprio lui a cedere all’allora ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi il palazzo di via dei Prefetti”.
Per gli inquirenti, l’immobile fu venduto all’ex ministro su pressione di Balducci a un quarto del suo valore reale. Lunardi ha sempre negato di aver beneficiato di un tale sconto e di aver ricevuto trattamenti di favore.

Ma gli inquirenti continuano a seguire la pista degli immobili venduti o affittati a prezzi stracciati a politici e funzionari statali in cambio di appalti alle società della “cricca”. Molte di queste case appartengono al Vaticano e sono state spesso ristrutturate dall’azienda di Anemone. Ci sono anche i due immobili, in via della Vite e via delle Quattro Fontane, dove “Antonio Di Pietro prese due appartamenti”, racconta sempre Zampolini. Nel primo appartamento c’era la sede del giornale dell’Italia dei valori e gli inquirenti stanno accertando se l’affitto versato fosse inferiore a quello dichiarato. Nel secondo vive il tesoriere del partito, Silvana Mura (Di Pietro ha smentito di aver usufruito di queste case). Il suo contratto è firmato da monsignor Francesco Di Muzio, capo dell’ufficio amministrativo di Propaganda Fide. Potrebbe essere lui il prelato chiamato in causa da Zampolini, ma i magistrati stanno verificando anche la posizione di monsignor Massimo Cenci, nominato da Sepe sottosegretario e delegato alla gestione degli immobili da affittare.


GUARDA LA RASSEGNA STAMPA DEI GIORNALI ITALIANI

Leggi tutto