Strage Nassiriya, assolto colonnello Di Pauli

1' di lettura

Il tribunale militare di Roma ha assolto il colonnello dei carabinieri accusato di non aver adottato tutte le misure di sicurezza necessarie. Nell’attentato suicida del 2003 morirono 19 italiani

Piena assoluzione "perche' il fatto non costituisce reato" per il colonnello dei carabinieri Georg Di Pauli, accusato di non aver adottato tutte le misure di sicurezza necessarie alla difesa della "Base Maestrale", il quartier generale dell'Arma a Nassiriya bersaglio dell'attentato del 12 novembre 2003 in cui persero la vita 19 italiani (12 carabinieri, cinque militari dell'esercito e due civili).

Il tribunale penale militare ha accolto le tesi dei legali della difesa e rigettato le richieste del pm Giovanni Barone che aveva chiesto per Di Pauli due anni di reclusione. Secondo l'accusa, se fossero state messe in atto delle piu razionali misure di protezione - come per esempio non sistemare la Base al centro della citta' o prevedere un percorso obbligato per entrare all'interno - tante vite sarebbero state risparmiate.

Leggi tutto