Daniele Restivo si dichiara non colpevole

1' di lettura

In carcere in Inghilterra con l'accusa di aver ucciso la sarta Heather Barnett, l'uomo di Potenza, indagato in Italia per il caso Claps, ha respinto in aule le accuse. Il 28 maggio l'udienza preliminare

Danilo Restivo, il 38enne potentino accusato dell'omicidio della sarta Heather Barnett, uccisa il 12 novembre del 2002 nel bagno della sua abitazione, è comparso questa mattina in aula presso il tribunale di Bournemouth, Inghilterra, e tramite il suo avvocato, Tracey Watson, si è dichiarato non colpevole.

Restivo, indagato in Italia per il caso Claps, con indosso una felpa grigia, è stato accompagnato dagli agenti nel box riservato agli imputati in regime di custodia cautelare. L'ex ragazzo di Potenza si è avvalso dell'assistenza di un traduttore. Il tribunale ha quindi stabilito la data dell'udienza preliminare: 28 maggio.

Lunedì prossimo, invece, davanti ai giudici della Crown Court di Winchester, Restivo chiederà la cauzione. Se rifiutata, i termini della custodia cautelare varranno fino al 19 di novembre - poi potranno essere reiterati. L'udienza preliminare del 28 maggio è un'udienza di tipo amministrativo che dovrà stabilire l'inizio del dibattimento vero e proprio.

Guarda anche:
L'avvocato della famiglia Claps scrive al Papa
Il padre di Elisa: "Non andrò ai funerali di mia figlia"
Danilo Restivo arrestato in Gran Bretagna per l'assassinio di Heather Barnett
Elisa è stata accoltellata e soffocata
Il legale di Danilo Restivo: follia investigativa
Gildo Claps: noi non molliamo, la vergogna è solo loro

Leggi tutto