Una sedicenne violentata in pieno giorno a Lomazzo (Como)

1' di lettura

Lunedì intorno alle 14 la giovane, appena scesa dal treno che la riportava a casa da scuola, è stata avvicinata da un nordafricano. Le telecamere della stazione hanno filmato l'uomo e la polizia avrebbe fermato un 33enne di origini marocchine

Uno stupro in pieno giorno, nel parco vicino alla stazione. Questa la denuncia di una ragazza di 16 anni, vittima di violenza a Lomazzo, nel comasco.
La ragazza ha fornito un racconto circostanziato, confermato dagli accertamenti ginecologici e supportato anche dalle riprese delle telecamere della stazione ferroviaria, che hanno confermato come, lunedì pomeriggio intorno alle 14 la giovane, appena scesa dal treno che la riportava a casa da scuola, è stata avvicinata da un uomo di 25-30 all'apparenza maghrebino.

La sedicenne ha raccontato che lo l'uomo di origini nordafricane ha prima iniziato una conversazione, poi l'ha minacciata verbalmente, in maniera pesante, costringendola a seguirlo nel giardino poco lontano, dove l'ha costretta a un rapporto sessuale completo.
Le telecamere hanno ripreso il colloquio fra i due, su una panchina della stazione fino a quando non si sono allontanati.

Grazie ai particolari forniti dalla giovane vittima, i carabinieri di Lomazzo hanno fermato quale indiziato di delitto un marocchino di 33 anni. 
Si tratta di Salah Rouzki, manovale con residenza a Solaro (Milano), individuato dai militari a Manera di Lomazzo, non lontano dalla stazione ferroviaria delle Nord in cui è avvenuto l'approccio tra la giovane vittima e il suo violentatore. In una perquisizione domiciliare i militari hanno trovato i vestiti che indossava lunedì, quando le telecamere della stazione lo avevano ripreso assieme alla ragazza. Gli indumenti erano stati riposti in una valigia e, secondo i carabinieri, non si esclude che l'uomo intendesse darsi alla fuga.
Da quanto si è appreso l'immigrato, in Italia con regolare permesso di soggiorno, avrebbe negato ogni addebito.

Leggi anche:
Stupri: "il pericolo maggiore non è la strada"

Ogni giorno a Milano una donna viene stuprata
Paola: "Lo stupro ti uccide, la denuncia è l'unico riscatto" 
Violenza sessuale: a chi chiedere aiuto

Leggi tutto