Le mani delle mafie sul trasporto della frutta

1' di lettura

Smantellata alleanza tra mafia e camorra che imponeva il monopolio dei trasporti agli autotrasportatori di prodotti ortofrutticoli in tutto il centro-sud Italia. Oltre 60 arresti. Sequestrate anche armi provenienti dai Balcani

Smantellata un'organizzazione criminale, composta da esponenti di mafia siciliana e camorra campana, che imponeva il monopolio dei trasporti su gomma ai commercianti e agli autotrasportatori di prodotti ortofrutticoli in tutto il centro-sud Italia, con la conseguente lievitazione dei prezzi della frutta. Decapitati i vertici dei Casalesi, dei clan Mallardo di Giugliano (Napoli), dei Licciardi del quartiere partenopeo Secondigliano e delle famiglie mafiose dei Santapaola-Ercolano di Catania. La Dia di Roma e la Squadra Mobile di Caserta, coordinate dalla Procura distrettuale antimafia di Napoli, hanno eseguito una settantina di ordinanze di custodia cautelare in carcere. In una nota si specifica che i capi delle organizzazioni camorristiche e mafiose si riunivano in un'azienda di trasporti del Casertano per decidere le strategie e le alleanze. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati veri e propri arsenali di armi provenienti dalla Bosnia.

A SKY TG24 il direttore della Dia Antonio Girone

Leggi tutto
Prossimo articolo