Prosperini patteggia 3 anni e 5 mesi

L'ex assessore della giunta Formigoni Piergianni Prosperini
1' di lettura

L'ex assessore della giunta Formigoni condannato per turbativa d'asta e truffa. Sconterà la pena agli arresti domiciliari

L'ex assessore alla regione Lombardia Piergianni Prosperini ha patteggiato la pena di 3 anni e 5 mesi di reclusione davanti al gup di Milano Gloria Gambitta, per le accuse di turbativa d'asta e truffa, nell'ambito di un'inchiesta sul marketing turistico lombardo. Uscito dall'aula del giudice, prima di rientrare nella sua abitazione, dove sta scontando gli arresti domiciliari, Prosperini ha parlato ai cronisti dei progetti sul futuro. "Ora inizia una nuova vita - ha detto - per adesso basta con la politica, mi dedicherò ai meno fortunati, ai disabili. In particolare all'ippoterapia dove applicherò le mie capacità equestri, tecniche e di medico. E' una terapia nella quale credo molto".

"Mi sento contento del patteggiamento che ha rispecchiato quanto richiesto dai magistrati - ha aggiunto - ho massimo rispetto per la giustizia e per la verità. Il pm Robledo (che ha rappresentato l'accusa ndr), mi ha detto, al termine dell'udienza, 'allora abbiamo finito...' ed io gli ho risposto in napoletano. E' una persona amabilissima, al di sopra delle parti". Poi, incalzato dal suo avvocato Ettore Traini, Prosperini si è congedato dai giornalisti dicendo di dover tornare a casa, dove continuerà a scontare gli arresti domiciliari.

Ai cronisti che gli hanno chiesto quali siano le sue condizioni (ndr Prosperini aveva tentato il suicidio nelle settimane scorse), il politico ha risposto: "stiamo bene, un po' esterefatti, colpiti, offesi". Per quanto riguarda la stralcio di indagine ancora aperto sul quale sta lavorando la procura di Milano e che ipotizza un suo coinvolgimento sul traffico d'armi verso l'Iran, Prosperini ha detto: "che io sappia non c'é nessuno stralcio" e poi ha aggiunto, in dialetto lombardo, "tutti i giorni ce n'é una nuova...". Infine, alla domanda di come trascorra il tempo agli arresti domiciliari, l'ex assessore ha risposto, ironico: "pregando...".

Leggi tutto