Caso Cucchi, per i periti Stefano morì per lesioni inferte

1' di lettura

Svolta nel giallo della morte del giovane romano, deceduto qualche giorno dopo il suo arresto. Secondo gli esperti della Commissione d'inchiesta è difficilmente sostenibile l'ipotesi d'un decesso accidentale. Seri dubbi anche sui soccorsi in ospedale

Sono stati desecretati, il 28 aprile, gli atti che raccolgono le dichiarazioni delle audizioni della Commissione d'inchiesta. Secondo i periti della Commissione è difficilmente sostenibile l'ipotesi che Cucchi sia morto per lesioni accidentali. Le ecchimosi sugli occhi, molto più delle altre ferite, suggerirebbero l'ipotesi di lesioni inferte. In più ci sarebbero dubbi sulla reattività dei soccorsi in ospedale. La morte del ragazzo viene collocata dai periti intorno alle 3 del mattino, ma Cucchi sarebbe stato rianimato solo intorno alle 6.00 per precauzione e non perché era ancora vivo.

Guarda anche:
Caso Cucchi, Dap: morte disumana
Caso Cucchi, reintegrati i medici indagati
Quasi un morto ogni due fgiorni nella carceri italiane
Caso Cucchi, i medici: è stata morte naturale
Pm: Cucchi pestato in tribunale


Leggi tutto