Strage nel Mantovano, domani Bianchera incontra il Gip

1' di lettura

L'uomo, che ieri ha ucciso tre persone, ha incontrato il suo legale. Si sarebbe giustificato dicendo "Ero stressato"

"Non mi sono drogato, sono pulito, possono farmi qualsiasi tipo di analisi". Queste le parole pronunciate la scorsa notte a Salò da Omar Bianchera, il responsabile della strage avvenuta nel mantovano ieri dove ha ucciso tre persone, mentre era in attesa di sottoporsi agli accertamenti tecnici dello Stub. Bianchera, parlando del proprio gesto, avrebbe inoltre detto "ero stressato".  Intanto il difensore di Bianchera, l'avvocato Maria Grazia Capitanio ha incontrato stamane nel carcere di Brescia il proprio assistito: "E' provato, è segnato, sembra una persona svuotata - ha detto - Non intendo aggiungere altro sul colloquio di stamani - ha aggiunto -. L'interrogatorio di convalida è in programma domani".

Le due pistole e il fucile usati ieri da Omar Bianchera erano stati regolarmente denunciati e il pluriomicida aveva una licenza per detenerle a fini sportivi. Era quindi autorizzato a trasportale da casa al poligono dove si esercitava. Secondo la Questura di Mantova, la licenza era stata concessa in assenza di precedenti di Polizia e, in passato, l'uomo non aveva mai dato segni di squilibrio che ne impedissero il rilascio.

Leggi tutto