Mantova, per la Procura Bianchera era un cittadino esemplare

omar biancheri
1' di lettura

Nonostante in paese fosse noto per i suoi scatti d'ira, l'uomo che questo fine settimana ha freddato tre persone, non era mai stato denunciato. Intanto trapelano nuovi particolari sugli omicidi

Omar Bianchera, l'uomo che ha ucciso tre persone questo fine settimana, era un cittadini esemplare. Almeno dal punto di vista della procura di Mantova. E' così che Antonino Condorelli, procuratore della città lombarda, cerca di dare una spiegazione a chi si interroga sul perché Bianchera fosse in possesso di un porto d'armi. Anche se a Volta Mantovana, il paese in cui viveva e in cui ha commesso gli omicidi, tutti lo conoscevano per i suoi scatti d'ira e per le sue minacce, non era mai stata spiccata una denuncia nei suoi confronti.

Neppure la ex moglie, Daniela Gardoni, 43 anni, la prima delle sue vittime, si era mai rivolta ai carabinieri per denunciare eventuali persecuzioni del marito. "Non escludiamo che la donna si sia confidata con qualche amico manifestando le sue paure - ha confermato nel pomeriggio il comandante provinciale dei carabinieri Maurizio Esposito in una conferenza stampa - Ma a noi non si è mai rivolta".  La stessa cosa è stata di nuovo ribadita dal procuratore di Mantova, Antonino Condorelli. "L'unica cosa che esiste - ha detto - è una denuncia che la vittima aveva presentato ai carabinieri qualche giorno fa contro ignoti che gli avevano danneggiato piante e fiori davanti a casa. Ma non aveva manifestato sospetti su chicchesia".

Se in paese quindi giravano voci o preoccupazioni sul comportamento solitario e pericoloso di Bianchera, nulla si era mai concretizzato con segnalazioni alle forze dell'ordine. "Nessuno ci ha mai detto nulla - hanno ripetuto oggi gli investigatori - Non c'era niente che facesse presagire questa strage".

Bianchera è ancora nel carcere di Brescia. Domani o mercoledì dovrebbe essere interrogato e poi probabilmente trasferito a Mantova.  "E' un uomo provato, è segnato, sembra una persona svuotata", ha detto il suo avvocato, Maria Grazia Capitanio, che lo ha visto in mattinata.  Ma intanto affiorano altri particolare sulla sua giornata di follia, scoppiata per vendicarsi di tutte le persone con cui pensava di avere un conto in sospeso. Come l'implacabilità che ha dimostrato per uccidere la moglie, già ferita nell'incidente con l'auto mentre tentava di scappare. O la freddezza con cui ha eliminato la vicina di casa, Maria Bianchera (nessuna parentela), 71 anni. E infine il particolare più raccapricciante. Pare che per freddare la sua terza vittima, Walter Platter, 35 anni, non ha fatto scendere i figli dall'auto come era stato raccontato ieri. Ha sparato contro di lui, sotto gli occhi dei due bambini di 2 e 5 anni, terrorizzati, sul sedile posteriore.

Leggi tutto