Strage nel Mantovano: si è costituito l'assassino

1' di lettura

Omar Bianchera ha ucciso oggi l'ex compagna e altre due persone. Dopo una fuga durata tutto il giorno si fermato ad Anfo, nei pressi del Lago di Idro e ha chiamato la polizia

"Sono stanco, mi arrendo...venitemi a  prendere". Sono le parole che Omar Bianchera, il camionista 44enne di Volta Mantovana che stamani ha compiuto una strage uccidendo tre persone, ha pronunciato al telefono chiamando il 113. L'uomo ha chiamato con un cellulare dalla propria autovettura, parcheggiata in prossimità della Rocca di Anfo, nei pressi del lago di Idro, nel bresciano. A quel punto la polizia ha subito girato la segnalazione ai carabinieri della zona, più vicini alla località, e l'omicida è stato raggiunto e quindi ammanettato. Le armi della strage erano nell'auto.

L'uomo ha ucciso questa mattina la ex moglie, Daniela Gardoni, di circa 40 anni, e altre due persone prima di far perdere le sue tracce nei boschi che attorniano la zona collinare dell'alto mantovano, vicino al lago di Garda. Le forze dell'ordine hanno organizzato per tutto il pomeriggio di oggi battute e posti di blocco in tutta la zona per rintracciarlo, ma l'uomo sembrava aver fatto perdere le proprie tracce.

A Volta Mantovana, la località in cui è avvenuta la strage, per tutto il giorno le strade sono rimaste deserte e la gente si è chiusa in casa. "Ha già ucciso tre volte - ha detto la titolare di un bar alla periferia del paese - potrebbe farlo ancora".

Secondo quanto si apprende si tratterebbe di un evento annunciato. L'assassino negli ultimi mesi aveva rivolto continue minacce alla ex moglie. La loro era stata una separazione travagliata.  Proprio martedì scorso, la donna aveva vinto una causa riguardante la casa in via Risorgimento in cui la coppia aveva vissuto. Stamani l'uomo si è presentato sotto la casa in cui viveva la moglie ed è scoppiata una lite. Bianchera ha sparato alcuni colpi di pistola alla ex moglie che era salita in auto cercando di andare dai carabinieri. Circa 200 metri dopo la vittima ha perso il controllo dell'auto ed è finita contro un muro.

Bianchera, che l'inseguiva, è sceso dalla sua vettura e ha freddato Daniela Gardoni con due colpi di pistola senza dire nulla. Un ragazzo, in sella a uno scooter, ha cercato di difendere la donna, ma è stato brutalmente spostato dall'omicida che ha poi sparato all'ex moglie, uccidendola. Subito dopo Bianchera è salito sulla sua auto e si è diretto verso la località Piccard. Qui ha ucciso un'altra donna, Maria Bianchera, 71 anni, con la quale sembra avesse problemi riguardanti dei terreni e ha ferito il marito. Sempre in auto è andato in località Pile, a poca distanza, dove ha ucciso un altro uomo, Walter Platter, 35 anni, al quale, qualche tempo fa, aveva affittato dei locali in cui era stata aperta una birreria, e ferito sua moglie Virginia. Ha quindi abbandonato l'auto per darsi alla fuga nei campi.
I due feriti sono ricoverati in ospedale ma non risultano essere gravi.


Guarda anche:
Torino, sparatoria in strada: un morto e un ferito
Napoli, raid della camorra con kalashnikov: il video choc

Leggi tutto