Crotone, presi i killer della "strage del calcetto"

1' di lettura

Sono stati arrestati i presunti autori dell'omicidio dell'11enne Domenico Gabriele, colpito alla testa mentre giocava su un campo sportivo e morto il 20 settembre 2009 dopo tre mesi di coma. Fu ucciso anche un 35enne, obiettivo dell'agguato

I carabinieri del comando provinciale di Crotone hanno arrestato i presunti autori dell'omicidio di Domenico Gabriele, il bambino di 11 anni morto dopo tre mesi di coma per essere stato ferito alla testa mentre giocava a calcetto. L'agguato fu compiuto la sera del 25 giugno 2009 nella polisportiva Central Park in località Margherita a Crotone. Secondo gli inquirenti l'obiettivo era il 35enne Gabriele Marrazzo che fu ucciso sul colpo. Tuttavia i killer spararono all'impazzata, ferendo anche altre 9 persone. Tra queste Domenico, che morì il 20 settembre successivo nell'ospedale di Catanzaro.

Gli arrestati con l'accusa di strage sono il 20enne Andrea Tornicchio e il 26enne Vincenzo Dattolo, ritenuti elementi di spicco del clan della 'ndrangheta Tornicchio. Secondo gli inquirenti Gabriele Marrazzo, obiettivo dell'agguato del 25 giugno, era un affiliato alla cosca dei Tornicchio, per conto della quale avrebbe commesso una serie di estorsioni. Probabilmente l'uomo, rientrato da un anno dalla Germania dove era emigrato, stava cercando di assumere un ruolo di maggiore importanza all'interno del clan e per questo fu deciso di ucciderlo. Il mandante dell'agguato è ritenuto il 31enne Francesco Tornicchio, fratello di Andrea e capocosca, detenuto dalla fine del 2008.

Agli arrestati è stato anche notificato l'avviso di conclusione indagini, che riguarda 28 persone accusate di associazione mafiosa, furto, ricettazione, estorsione, porto e detenzione di armi, spaccio di droga, rapina. Tra gli indagati dell'inchiesta figurano anche quattro imprenditori, ai quali viene contestato il reato di favoreggiamento.


Guarda anche:
Coma irreversibile per Domenico Gabriele
Spari su campo di calcetto: un morto e 9 feriti

Leggi tutto