Caos trasporti, la situazione a Roma

1' di lettura

La nube di cenere, generata dall'eruzione del vulcano islandese, ha causato enormi disagi nell'aeroporto di Fiumicino, dove alle 12.00 i voli cancellati sono stati 360. Confusione anche alla stazione Termini

TUTTE LE FOTO: dall'eruzione in Islanda al caos in aeroporti e stazioni
AGGIORNAMENTI: tutte le notizie sulla nube di cenere e i suoi effetti
FENOMENI NATURALI: l'album fotografico

Per Fiumicino quella odierna è un'altra giornata che s'è aperta, come previsto, con traffico aereo sconvolto dal persistere della nube di cenere, generata dall'eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajokull. A differenza degli scali settentrionali l'aeroporto romano è rimasto aperto, ma la situazione è caotica.
Alle 12.00 di oggi erano 360 i voli complessivamente cancellati, tra arrivi e partenze. Nel dettaglio, 180 in partenza e altrettanti in arrivo. Centinaia i passeggeri in fila ai banchi delle varie compagnie, per avere informazioni o riprenotarsi sui primi voli utili non appena la situazione si sbloccherà
Nel frattempo Alitalia ha potenziato al terminal 3 i propri banchi d'informazione, allestendo dei punti mobili a servizio soprattutto dei passeggeri in transito al "Leonardo da Vinci". E, in riferimento ai 200 posti letto allestiti ieri a Fiumicino, il direttore Enac locale Vitaliano Turrà ha spiegato: ''Abbiamo già preso accordi con la Protezione civile regionale per un potenziamento delle brandine da utilizzare per la prossima notte".

Secondo giorno di code e disagi anche presso il terminal ferroviario dello scalo romano. La fila davanti agli sportelli delle biglietterie, comprese quelle automatiche, è stata incanalata con nastro rosso e bianco: è lunga un centinaio di metri.

Leggi tutto