Nube sull’Italia, dopo un week end a terra si torna a volare

1' di lettura

L’Enac ha deciso di riaprire i cieli del nord Italia a partire dalle 7 di lunedì mattina in seguito al miglioramento dello stato della nuvola di cenere. Ma il presidente Riggio precisa: “Resta l’emergenza”. L’Ue garantisce una partenza su due

TUTTE LE FOTO: dall'eruzione in Islanda al caos in aeroporti e stazioni
AGGIORNAMENTI: tutte le notizie sulla nube di cenere e i suoi effetti
FENOMENI NATURALI: l'album fotografico

In fondo all'articolo tutti gli aggiornamenti video sulla situazione del vulcano in eruzione in Islanda e le ripercussioni sui trasporti in Italia

Dalle 7 di lunedì mattina nei cieli italiani si potrà viaggiare di nuovo, ma quella trascorso è stato un week end "nero" per i trasporti. Nella sola giornata di domenica sono stati oltre 700 i voli cancellati tra Malpensa e Linate, 500 a Fiumicino, 120 a Capodichino, per citare soltanto gli scali più grossi: del tutto chiusi gli aeroporti di Firenze e Pisa. Tutto sempre a causa della nube di cenere sprigionata dal vulcano islandese. E una parte dei viaggiatori rimasti appiedati e costretti a bivaccare nelle sale d'attesa degli aeroporti - dove in tanti hanno trascorso un'altra notte su giacigli di fortuna oltre che su brandine messe a disposizione dalla Protezione civile - ha preso d'assalto le stazioni ferroviarie.

File di due ore alle biglietterie di Termini, code fino a 50 metri alla stazione centrale di Milano, spesso inutili, visto che per le destinazioni internazioni i posti sono esauriti dal capoluogo lombardo sino a martedì e da Roma sino al 23. E c'è pure chi, pur di tornare a casa, non ha esitato a spendere sino a 2000 euro per un viaggio in taxi. Spazi aerei chiusi anche in Austria, Olanda, Finlandia, Danimarca, Croazia, Bosnia, Regno Unito, Germania e Repubblica Ceca. Ma l’Ue garantisce che lunedì la metà dei voli sarà operativa.

Tutte le informazioni sui voli Alitalia
Notizie in tempo reale sui voli negli aeroporti di Venezia TesseraTorino Caselle - Bergamo Orio Al Serio - Bologna - Milano Linate e Malpensa - Roma Fiumicino.


Cronaca di una domenica di passione per i passeggeri d’Europa.

ore 21.45 Alitalia: voli regolari dalle 8 - I voli Alitalia da e per gli aeroporti del Nord Italia saranno progressivamente effettuati a partire delle ore 07.00 di domani lunedi' 19 aprile e a partire dalle ore 08.00 tutti i collegamenti nazionali sono previsti regolari.
Restano al momento, spiega la compagnia in una nota, sospesi i collegamenti con le città di Londra, Amsterdam, Parigi e Bruxelles fino alla riapertura dei rispettivi aeroporti.
Ai passeggeri con biglietto da o per altre destinazioni dell'Europa centrale o del Nord, Alitalia suggerisce di controllare lo stato del proprio volo prima di recarsi in aeroporto, collegandosi al sito Internet www.alitalia.it o chiamando il numero verde 800.650055.
Alitalia raccomanda ai passeggeri in possesso di prenotazione per i voli previsti domani da e per il Nord Italia di recarsi in aeroporto con un anticipo di almeno un'ora per i voli nazionali e di almeno 90 minuti per i voli internazionali. La società ribadisce quindi che a tutti i passeggeri coinvolti dalle cancellazioni dovute all'eruzione vulcanica viene garantito il rimborso integrale del biglietto in caso di rinuncia a voli alternativi o la possibilità di riprogrammare il volo, senza alcuna penale, entro il 31 maggio.

ore 21.15 Enac decide riapertura scali
- Riaprirà domani alle 7 l'intero spazio aereo italiano. Lo comunica l'Enac, sulla base del Bollettino "Met Office - Volcanic Ash Advisory Centres" circa lo stato della nube vulcanica islandese. E' infatti risultato confermato il miglioramento della situazione sull'area del Nord Italia. Lo stop del traffico aereo era previsto sino a domani alle 8, poi la decisione di anticipare.
La situazione però potrebbe anche registrare un'evoluzione, come ha spiegato Vito Riggio, presidente dell'Enac, intervistato da SKY TG24: "La nuvola si sposta a seconda dei venti e dell'alimentazione del vulcano. Queste variabili sono tenute sotto controllo su una base di un modello matematico. Poi ci sono delle variabili che vanno registrate di ora in ora. Non abbiamo ancora superato l'emergenza. Dal nord Italia si riparte in direzione sud, ovviamente non si va verso dove è chiuso". Riggio ha detto anche che al momento la situazione è tranquilla: "Alle 20 abbiamo rilevato che la linea della nube era arretrata addirittura dietro le Alpi, anche se resta l'incognita del venti".

ore 20. 15 Ue garantisce un volo su due
- Metà dei voli previsti per domani in Europa saranno operativi. Lo ha detto la presidenza di turno europea. "Le previsioni sono che meta' dei voli previsti per domani potranno partire" ha detto il ministro spagnola per gli Affari europei Diego Lopez Garrido, durante una conferenza stampa di Eurocontrol.

20.05 la situazione a Bologna –
Area partenze semideserta oggi all'aeroporto Marconi di Bologna: chiusi quasi tutti i negozi dello scalo, desk informazioni rafforzato per l'assistenza ai passeggeri, file contenute alla biglietteria e ai banchi degli autonoleggi (rimasti senza macchine).

ore 20 la situazione in Sardegna – Sono più di 100 i voli cancellati da e per la Sardegna nei tre scali di Cagliari, Olbia e Alghero. Sono tantissimi i sardi bloccati nei vari scali del Nord Italia e d'Europa, comprese alcune scolaresche in gita. All'aeroporto di Cagliari-Elmas sono stati cancellati 30 voli in arrivo e 31 in partenza. Nello scalo di Alghero-Fertilia cancellati 12 voli in arrivo e altrettanti in partenza, mentre dal Costa Smeralda di Olbia sono saltati 10 voli in arrivo e altrettanti in partenza. Questa sera si sono create lunghe code tra i passeggeri che stanno cercando di riprogrammare le partenze, a partire da domani.

ore 19.53 la situazione in Germania e Lituania – Quattordici aeroporti tedeschi su sedici rimarranno chiusi fino alle 02:00 di domani. I responsabili del traffico aereo tedesco hanno precisato che dalle 20:00 alle 22:00 resteranno aperti solo i due scali di Berlino, Tegel e Shonefeld. Solo successivamente si deciderà se lasciarli aperti anche nella notte. Oggi pomeriggio le autorità tedesche avevano autorizzato sei aeroporti, tra cui Francoforte, a riaprire fino alle 20:00 con operatività limitata. Lo spazio aereo lituano è stato riaperto oggi alle 17:30 ora locale (le 16:30 in Italia).

ore 19.50 la situazione a Napoli – Sono 120 i voli cancellati oggi all'aeroporto di Napoli Capodichino. Si tratta di 60 voli in arrivo e di 60 in partenza. Ieri il bilancio era stato sostanzialmente analogo, con la cancellazione di 125 voli.

ore 19.27 parla il sottosegretario per gli Affari europei – "Si lavora a soluzioni concrete per aprire progressivamente lo spazio aereo europeo". Lo ha detto il sottosegretario per gli Affari europei, Diego Lopez Garrido, parlando a nome della presidenza di turno spagnola della Ue. "Domani – ha aggiunto – metà dei voli sarà operativa in Europa perchè la nube si sta muovendo verso Nord Est".

ore 19.25 cioccolata per i viaggiatori – Un quintale di cioccolata, sotto forma di barrette e cioccolatini, sarà distribuita ai 400-600 viaggiatori che si preparano a trascorrere la notte al Terminal 2 sulle brandine ed i materassini gonfiabili allestiti dalla Protezione civile nello scalo di Fiumicino. Privilegiati i bambini e poi
tutti gli altri.

ore 19.20 i dati dall’Aci Europe – Oltre 6,8 milioni di passeggeri hanno finora subito le conseguenze dello stop dei voli causato dalla nube di ceneri vulcaniche provenienti dall'Islanda e dalla chiusura di gran parte dello spazio aereo europeo. È l'indicazione fornita in una nota dal direttore generale dell'organizzazione degli aeroporti europei (Aci Europe), Oliver Jankovec. “In seguito alla paralisi subita da 313 scali – ha detto Jankovec – l'impatto economico del blocco è già oggi maggiore di quello subito dopo l'11 settembre 2001. Le perdite delle società aeroportuali sono quasi arrivate a quota 136 milioni di euro". "La sicurezza dei passeggeri resta una priorità non negoziabile – ha aggiunto il direttore dell'Aci-Europe – ma non è incompatibile con la legittima richiesta di rivedere le restrizioni attualmente in vigore".

ore 19.17 Lufthansa non vola fino a domani – La compagnia tedesca Lufthansa ha prorogato fino a domani alle 14 ora italiana lo stop a tutti i suoi voli. Lo annuncia la compagnia sul proprio sito web. "Lufthansa, come tutte le altre compagnie, deve attenersi alle direttive impartite dalle autorità di controllo del volo. La compagnia è quindi costretta a cancellare tutti i propri voli per domenica e lunedì fino alle 12 (le 14 in Italia)", si legge nel comunicato.

ore 19.15 la situazione in Turchia – La nuvola di cenere provocata dal vulcano islandese ha raggiunto la Turchia e lo spazio aereo è stato chiuso in tre province del nord del Paese.

ore 19.07 volo di prova a Londra – Un aereo della British Airways è decollato dall'aeroporto di Heathrow per un volo di prova.

ore 19.03 l’Olanda vuole tornare a volare – I piloti olandesi vogliono tornare a volare. La Klm ha programmato la partenza di tre voli commerciali per dopo le 20 di oggi. Il presidente di Klm, Peter Hartman, avrebbe affermato che lo spazio aereo europeo è ormai sicuro, eccezion fatta per l'area compresa tra l'Islanda e la Russia. La compagnia franco-olandese non prevede di riprendere i voli passeggeri prima di domani.

ore 18.44 le misure adottate sono proporzionate ai rischi? – Un "immediato riesame" delle misure precauzionali adottate in Europa in materia di traffico aereo. È stato chiesto dalla Aea (Associazione delle compagnie aeree europee) e dall'Aci Europe, l'organizzazione che raggruppa gli aeroporti. Le due organizzazioni, in particolare, chiedono di valutare se le misure finora adottate siano effettivamente "proporzionate" ai rischi reali. "L'eruzione del vulcano in Islanda – si legge in una nota diffusa a Bruxelles - non è un fatto senza precedenti e le procedure adottate in altre parti del mondo in circostanze analoghe non sembrano indicare la necessità di restrizioni quali quelle attualmente in atto in Europa". “I voli di verifica non hanno riscontrato alcuna irregolarità”, conclude il segretario generale dell'Aea, Ulrich Schulte-Strathaus.

ore 18.10 in Italia migliora la situazione – Con una nota l’Enac comunica che la situazione sullo spazio aereo del Nord Italia è in netto miglioramento. “A breve potrebbe esserci una riapertura dei cieli”, continua la nota. La decisione, comunque, arriverà dopo le 20. L’Enac, infatti, aspetterà l’emissione del bollettino del “Met Office - Volcanic Ash Advisory Centres”.

ore 18.08 Ryanair cancella i voli fino a mercoledì – Ryanair ha cancellato tutti i suoi voli da e per il nord Europa fino “almeno all'ora di pranzo" di mercoledì.

ore 18 la situazione in Francia – Gli aeroporti francesi a nord della linea Nizza-Bordeaux rimarranno chiusi almeno fino a martedì mattina.

ore 17.50 la situazione in Serbia e Polonia – Sei aeroporti nel centro e nel nord della Polonia sono stati riaperti. La Serbia, invece, riaprirà il suo spazio aereo alle 18.

ore 17.36 la situazione all’aeroporto di Fiumicino – Entro stasera saliranno a 400 le brandine allestite nel terminal 2 dell'aeroporto di Fiumicino. Saranno a disposizione dei viaggiatori costretti a trascorrere la notte nello scalo. Un'area più riservata, per famiglie con bimbi piccoli, verrà allestita nella "Sala blu". “Siamo in grado, avendo lo spazio aereo aperto, di accogliere ancora aerei da qualunque provenienza e dai vettori che ne facessero richiesta”, ha detto Vitaliano Turrà, direttore Enac dell’aeroporto.

ore 17.34 la situazione a Torino – Seconda giornata di blocco del traffico aereo anche allo scalo torinese di Caselle. Oggi sono stati cancellati 105 voli. L'unico velivolo atterrato è stato un aereo ambulanza che trasportava una persona malata.

ore 17.30 i voli Alitalia devono essere riprenotati – Tutti coloro che hanno perso un volo Alitalia perché cancellato a causa della nube di cenere devono riprenotarlo. Alitalia lancia un appello: "Non recarsi in aeroporto se non in possesso di una prenotazione". Il direttore vendite Alitalia, Marco Sansavini, spiega:” Caso per caso verrà risolta la necessità di ogni singolo passeggero". Coloro che non sono riusciti a volare potranno chiedere o una nuova prenotazione entro il 30 maggio oppure il rimborso del biglietto. I canali di prenotazione sono due: se si era acquistato il biglietto presso un'agenzia di viaggio bisognerà ricontattarla. Se invece il biglietto era stato acquistato direttamente presso la compagnia, bisognerà contattare Alitalia, che "ha un servizio dedicato a questa emergenza". Non si esclude, quando il traffico aereo tornerà alla normalità, l'effettuazione di voli speciali per riassorbire tutte le richieste.

ore 17.25 l’Austria domani torna a volare – Da domani alle 6 riprenderà l'attività negli aeroporti austriaci. Alcuni scali, comunque, potrebbero richiudere le piste se nel corso della giornata la situazione dovesse subire modifiche.

ore 17.10 la situazione a Fiumicino – Fino alle 16 a Fiumicino sono stati annullati 500 voli: 215 in partenza e 285 in arrivo.

ore 17.05 riapre Francoforte – L’aeroporto di Francoforte, primo in Germania per importanza e terzo in Europa, ha parzialmente riaperto fino alle 20 di stasera.

ore 16.22 treno speciale da Milano a Parigi – Questa sera, tra le 23.30 e le 24.00, partirà da Milano "un treno speciale" diretto a Parigi per far fronte ai disagi dei molti passeggeri che dal Nord Italia devono arrivare in Francia. Lo comunica Trenitalia, specificando che l'iniziativa è stata decisa in coordinamento con le ferrovie francesi Sncf.

ore 16.18 la situazione inglese – Lo spazio aereo britannico resterà chiuso fino alle 7 di domani, le 8 in Italia.

ore 16.15 Germania e Francia riaprono alcuni aeroporti – Diversi aeroporti francesi nel sud del paese sono stati riaperti, almeno fino al pomeriggio di domani. Tra gli altri, gli scali di Bordeaux, Marsiglia e Nizza. Altri aeroporti, come Tolosa Montpellier, Pau, Tarbes, Biarritz et Perpignan, che avrebbero dovuto chiudere oggi, resteranno aperti. Il blocco dello spazio aereo nella regione parigina durerà fino alle 15 di domani. Autorizzati a riaprire temporaneamente anche cinque scali tedeschi: Berlino Tegel, Berlino Schönefeld, Hannover, Erfurt e Lipsia.

ore 16.10 attenti alle truffe sui biglietti dei treni – "Sono stati segnalati episodi di aumento ingiustificato del prezzo dei biglietti ferroviari per destinazioni estere e, in particolare, per la Francia. Trenitalia non ha applicato alcuna maggiorazione". È quanto si legge in una nota di Ferrovie delle Stato. "Ogni variazione di prezzo richiede undici giorni per essere operativa e inserita nei sistemi informatici. Trenitalia diffida chiunque dal vendere i biglietti ferroviari a prezzi diversi da quelli previsti dal listino e invita tutti i clienti a segnalare immediatamente casi simili alle autorità competenti e alla stessa Trenitalia".

ore 16.06 riapre la Croazia – Lo spazio aereo sulla Croazia è stato riaperto. Rimangono cancellati tutti i voli per il nord e il centro Europa. Il maggiore scalo aeroportuale, quello di Zagabria, era chiuso da venerdì. Stanotte, dalle 22.40 fino alle 9.00, era stato chiuso l'intero spazio aereo sopra il Paese.

ore 15.45 la situazione in Francia, Spagna e Danimarca – Tutti gli aeroporti spagnoli che erano stati chiusi per la nube sono stati riaperti. Lo spazio aereo danese, invece, rimarrà chiuso fino alle 8 di domani. La compagnia aerea Air France annuncia che domani conta di assicurare sette voli a lungo raggio a partire da Tolosa e Pau, nel sudest della Francia, verso New York, Hong Kong e Dubai.

ore 15.28 la parola a Corbella, presidente dell’Associazione nazionale dei tour operator – "Ai tanti viaggiatori bloccati  rimasti in Italia da un'emergenza come questa proponiamo un  cambio della data di partenza. Per chi invece decide di  rinunciare alla vacanza siamo pronti a rimborsare in maniera totale i costi sostenuti". Roberto Corbella, presidente  dell'Associazione nazionale dei tour operator, risponde così ai tanti quesiti dei turisti. Per i viaggiatori rimasti bloccati all'estero nelle mete turistiche: "E’ possibile chiedere il pagamento dei costi dell'albergo". “Non ha senso invitare i viaggiatori negli scali sapendo che almeno fino alle 8 di domani non si potrà volare", conclude Corbella.

ore 14.50 ancora posti su alcuni treni tedeschi – Sui treni delle ferrovie tedesche e austriache (Db-Obb) c'è ancora posto, nonostante l'appello di Trenitalia a non recarsi nelle stazioni per chi deve viaggiare all'estero. Lo sostiene una portavoce del consorzio ferroviario austro-tedesco che opera nel nostro paese collegando tra loro Milano, Verona e Bologna con Monaco di Baviera. Per acquistare i biglietti sui treni austro-tedeschi ci si può rivolgere direttamente al personale di bordo, oppure si può consultare il sito internet delle due società.

ore 14.38 riunione straordinaria ministri Trasporti Ue – Indetta per domani una riunione straordinaria dei ministri dei Trasporti dell’Unione europea. Lo si apprende dalla presidenza spagnola di turno dell'Unione. Al centro dell’incontro ci sarà il caos nei trasporti aerei in Europa. Proprio in seguito a questi disagi il confronto tra i ministri Ue avverrà in videoconferenza.

ore 14.14 cercansi auto a noleggio – Autonoleggi presi d'assalto ma nessuna possibilità di noleggiare un’auto nei paesi europei colpiti dal blocco dei voli. Centralini intasati e lunghe code d'attesa. La situazione di difficoltà potrebbe durare anche per tutta la settimana.

ore 13.52 Klm e Sas prolungano il blocco – La compagnia olandese Klm ha cancellato tutti i suoi voli almeno fino alle 20 di questa sera. La compagnia scandinava Sas ha annunciato di aver sospeso l'operatività di quasi tutti i suoi collegamenti fino a martedì prossimo.

ore 13.33 la parola a Moretti – “Ieri abbiamo messo a disposizione 6.000 posti in più, mantenendo sotto controllo il traffico nazionale. I problemi sono invece sulle tratte internazionali”, l’ha detto l'ad di Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti. "Abbiamo chiesto a Francia e Svizzera di poter usare le loro reti per smaltire il traffico diretto all'estero, ma non ce l'hanno concesso. Noi possiamo anche predisporre treni aggiuntivi, ma se non abbiamo delle reti estere che ci consentano il passaggio non possiamo fare molto”. Per quanto riguarda le stazioni, Moretti ha sottolineato che “i punti critici" sono Milano e Roma, soprattutto nelle biglietterie, dove centinaia di persone chiedono come poter raggiungere le città europee. In mattinata le Ferrovie italiane hanno organizzato due treni speciali per Chiasso e sono in attesa di una risposta per poterne predisporre altri due.

ore 13.30 i dati di Eurocontrol – Sono 20.000 i voli rimasti a terra, oggi, a causa della nube. Lo dice Eurocontrol, l'agenzia europea per il controllo e la sicurezza del traffico aereo (la foto sopra è presa dal sito dell'organizzazione). Secondo le previsioni voleranno circa 4.000 aerei rispetto ai 24.000 giornalieri. Con quelli odierni, si legge in una nota, i voli cancellati a partire dal 15 aprile salgono a circa 63.000.

ore 13.28 la nube potrebbe coprire tutta l’Italia – La nube provocata dall'eruzione vulcanica in Islanda potrebbe arrivare a coprire tutta l'Italia, ma sarebbe comunque così diluita da provocare solo problemi per gli aerei. Lo dice Mike Burton, esperto dell'Ingv. “Se arriverà o no a coprire tutta la penisola dipenderà dalle condizioni meteo dei prossimi giorni, basta una piccola perturbazione per fermarla”, aggiunge. L'eruzione del vulcano, continua l'esperto, è ancora in corso, ed è impossibile prevedere quanto durerà ancora.

ore 13.20 la situazione alla stazione Termini – Biglietterie e punti d’informazione presi d'assalto alla stazione Termini di Roma. Code sia per le biglietterie automatiche sia per quelle con personale. L'offerta dei treni, fanno sapere dalle Fs, è uguale a quella che c'è nei giorni feriali. Sono 30, 20 in più del solito, le persone addette all'assistenza dei viaggiatori che si aggirano nello scalo ferroviario per dare informazioni ai passeggeri. I collegamenti verso l'estero, potenziati con l'aggiunta di alcune carrozze, hanno già esaurito tutti i posti disponibili fino al 23 aprile.

ore 13.18 la parola a Bertolaso - Confermato “il blocco dei voli sul Nord Italia”, si può volare “su Ciampino e sugli altri scali del Centro-Sud del Paese”. Lo ha detto il capo della Protezione civile Guido Bertolaso durante la riunione del Comitato operativo. “L’obiettivo è quello di non paralizzare il traffico aereo italiano”, continua Bertolaso. Per questo, ha spiegato, è stata costituita un'unità di crisi composta da scienziati. I problemi provocati dalla nube di cenere sui cieli europei "proseguiranno per diversi giorni". " Vogliamo approfondire a livello scientifico la situazione. Non vogliamo prendere per oro colato quello che ci viene detto a livello europeo". Bertolaso ha aggiunto che ci si sta organizzando "per garantire i trasporti via terra cercando di ridurre al minimo i disagi per i viaggiatori".

ore 13.10 la British Airways ancora a terra –  La compagnia di bandiera britannica British Airways ha annunciato che cancellerà tutti i voli anche per la giornata di domani.

ore 13.05 Belgio chiuso – Lo spazio aereo belga resterà chiuso fino a questa sera alle 20.

ore 12.59 critiche al blocco dei voli – Dure critiche arrivano alla decisione di fermare i voli sull'Europa da parte delle due principali compagnie aeree tedesche. Secondo Lufthansa e Air Berlin la scelta di chiudere la maggior parte dello spazio aereo europeo non è stata basata su test adeguati, sottolineando che i loro velivoli non hanno mostrato danni dopo voli di test effettuati senza passeggeri.

ore 12.53 la situazione nella stazione di Firenze –  La chiusura dello scalo aereo fiorentino ha provocato un sovraffollamento della stazione di Santa Maria Novella. Fin da ieri sera c’è stato un concentramento di passeggeri tanto da costringere la questura ad avviare il "piano grandi stazioni": potenziamento del personale, informazioni, tutela dell'area che è rimasta aperta fino alle 4. In sala d'attesa sono rimaste a dormire circa 60 persone, altre si sono fermate nell'atrio. In mattinata, lunghe code per acquistare i biglietti sia alle casse sia ai distributori elettronici. La polizia ha chiesto a Ferrovie un potenziamento ulteriore dei convogli. Alcuni viaggiatori tentano di salire sui treni usando il biglietto aereo.

ore 12.45 italiani bloccati in Egitto – Circa novecento turisti italiani sono rimasti bloccati a Sharm El Sheik. Il mancato rientro è dovuto alla rotazione saltata degli aeromobili. La compagnia Meridiana ha allestito quattro voli per riportarli in Italia.

ore 12.43 la situazione a Fiumicino – In mattinata, all’aeroporto romano di Fiumicino, sono stati cancellati 360 voli. Alitalia ha potenziato al terminal 3 i propri banchi d'informazione allestendo dei punti mobili a servizio dei passeggeri. "La situazione è difficile ma sotto controllo – dicono dalla compagnia –. Invitiamo i viaggiatori ad informarsi anche e soprattutto sul sito www.alitalia.it, per non congestionare il numero verde o il call center".

ore 12.25 la situazione in Sardegna – Decine di voli cancellati, tra ieri e oggi, nei tre aeroporti sardi. Le compagnie invitano i passeggeri dei voli cancellati a non recarsi negli scali. Numerosi turisti, impossibilitati a ripartire, hanno trascorso la notte negli alberghi. Nei tre scali sardi sono presenti solo i passeggeri in partenza per Roma e per i collegamenti diretti al sud con Meridiana, Alitalia e Airone. Ryanair ha assicurato i voli in partenza da Cagliari e Alghero per Roma-Ciampino, Bari, Trapani, Madrid e Barcellona.

ore 12.32 prove di volo anche in Francia – La compagnia aerea Air France, nel pomeriggio, effettuerà un test di volo sul sud-ovest della Francia.

ore 12.30 “Non ci sono rischi per la salute” – Il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, ha ribadito che al momento la nube “non rappresenta un rischio per la salute”. La precisazione in apertura della riunione del Comitato operativo.

ore 12.20 la Svizzera prolunga il blocco – In Svizzera non si volerà fino alle 14 di domani. Almeno sotto gli 11.000 metri. Tutti gli aerei che volano oltre quella quota restano autorizzati. 

ore 12.15 la situazione a Firenze – L’aeroporto fiorentino di Peretola rimarrà chiuso fino alle 8 di domani.

ore 12.10 la situazione in Puglia – Voli cancellati anche oggi nell'aeroporto Karol Wojtyla di Bari-Palese. Annullati i voli in arrivo e in partenza per Monaco, Colonia, Milano, Pisa, Bergamo, Venezia e Torino. Non si parte neppure per Charleroi e Barcellona. Confermati gli arrivi da Roma, Biarritz, Barcellona, Valencia, Napoli e Cagliari. Per quanto riguarda le partenze, confermate quelle per Roma, Valencia e Sharm El Sheikh.

ore 12 anche la Francia chiude per nube – Tutti gli aeroporti francesi, tranne quello in Corsica, rimarranno chiusi da mezzogiorno. Molti scali francesi, tra cui quello di Parigi, erano già stati bloccati.

ore 11.55 Berlusconi annulla vertice con la Germania – Salta il vertice bilaterale Italia – Germania. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a causa del blocco aereo, ha annullato la cena di lavoro a Berlino con il cancelliere tedesco Angela Merkel e la partecipazione alla Fiera di Hannover. Per lo stesso motivo, il premier non parteciperà ai funerali del presidente polacco Lech Kaczynski e di sua moglie Maria.

ore 11.50 i risultati dei primi test nella nube – Volare  nel cuore della nuvola di cenere del vulcano islandese di Eyjafjallajokull sembra essere meno pericoloso di quanto temuto. Almeno stando ai primi test. La compagnia franco-olandese Klm ha detto di non aver registrato nessuna anomalia o usura particolare al termine dell'ispezione dell'aereo che ha effettuato il primo test volando da Asmterdam a Dusseldorf. Oggi la compagnia farà altri nove voli di prova.

ore 11.40 dalla Thailandia aumentano i collegamenti – La compagnia aerea thailandese Thai Airways International aumenterà i collegamenti aerei con Roma e Madrid per facilitare il ritorno di migliaia di passeggeri bloccati a Bangkok. La chiusura dei  cieli ha fermato circa 22 voli Thai al giorno, lasciando ogni volta a terra  almeno 6.000 passeggeri. Al momento le uniche destinazioni europee possibili sono Roma, Madrid e Atene. La compagnia, a causa del blocco, prevede di perdere l'equivalente di 3,12 milioni di dollari al giorno.

ore 11.38 situazione a Milano – La Sea, società che gestisce i due scali milanesi, comunica che a Malpensa sono stati cancellati 271 voli in partenza e 267 in arrivo. A Linate, invece, 102 in partenza e 109 in arrivo. Nella notte sono stati distribuiti generi di prima necessità e i passeggeri hanno dormito sulle brandine. A Milano la situazione è particolarmente critica a causa della concomitanza con il salone internazionale del mobile. Decine di migliaia di visitatori si trovano nel capoluogo lombardo. Gli alberghi sono tutti prenotati ed è difficile trovare una stanza.

ore 11.30 prove di volo in Italia – "L'Enac (Ente nazionale per l'aviazione civile) ha autorizzato l'Enav (Azienda italiana per l'assistenza al volo) ad effettuare stamattina un volo di ricognizione per controllare direttamente lo stato delle aerovie italiane interessate dalla nube vulcanica proveniente dall'Islanda", si legge in una nota dell’Enac. Il volo è effettuato da un velivolo Cessna Citation 2 del Reparto Radiomisure dell'Enav. Verranno percorse le rotte principale del Nord Italia, partendo e ritornando a Ciampino. Qui, dopo il volo, i motori saranno ispezionati ed analizzati.

ore 11.07 prove di volo in Olanda – La società aerea olandese Klm ha annunciato di aver effettuato questa mattina un volo di prova tra Amsterdam e Dusseldorf per misurare l'impatto sui suoi aerei della nube di cenere.
Joyce Veekman, portavoce della società, ha detto: "Un Boeing 737 con un equipaggio di venti persone a bordo ha lasciato l'aeroporto di Schiphol alle 6.30 locali ed è atterrato senza problemi a Dusseldorf, in Germania".

ore 11 riunione della Protezione civile a Roma – Il Comitato operativo si è riunito presso il Dipartimento della Protezione civile per avviare tutte le iniziative utili a ridurre i disagi causati dalla chiusura dello spazio aereo.   All'incontro sono rappresentati i vertici di tutte le strutture del sistema nazionale della Protezione civile, oltre agli enti e alle amministrazioni direttamente interessate dalla situazione.

ore 10.37 aeroporto di Napoli – Voli cancellati anche all'aeroporto Capodichino di Napoli. Annullati 55 voli in arrivo e 56 in partenza. Ieri erano stati 125 (60 in partenza e 65 in arrivo) i voli cancellati.

ore 10.30 aeroporto di Pisa – Resta chiuso anche oggi lo spazio aereo sul cielo di Pisa. Migliaia di passeggeri dell'aeroporto  internazionale Galileo Galilei dovranno rinviare la partenza. La situazione potrebbe tornare alla normalità già in serata. Ieri i passeggeri rimasti a terra sono stati circa 6 mila.

ore 10.15 anche la Spagna chiusa per nube – Undici aeroporti del Nord della Spagna sono stati chiusi almeno fino alle 16:00 di oggi a causa della nube di cenere. Tra gli scali chiusi c’è anche quello di Barcellona. Rimane aperto l'aeroporto di Madrid-Barajas.

Tutti i video sulla situazione del vulcano in eruzione in Islanda e le ripercussioni sui trasporti in Italia

 

Leggi tutto