Treno deragliato nel meranese, al via le perizie

1' di lettura

I tre periti della Procura insieme con i tecnici nominati dagli indagati effettuano un primo sopralluogo in Val Venosta. Dovranno stabilire se la perdita dell’impianto di irrigazione sia stata sufficiente a causare la frana che ha investito il treno

Il racconto dei sopravvissuti. IL VIDEO

LE FOTO dell'incidente


Resta sotto sequestro in Val Venosta il tratto della linea ferroviaria teatro dell'incidente che due giorni fa ha causato la morte di nove persone. Oggi tre periti della procura di Bolzano e i tecnici nominati dagli indagati effettuano un sopralluogo per cercare di far luce sulle cause della disgrazia. "I periti dovranno stabilire se la perdita" dell'impianto di irrigazione del terreno sovrastante la ferrovia "sia stata sufficiente a provocare la frana", spiegano dalla procura. Gli indagati sono i due proprietari del terreno che è franato e sei responsabili della società che gestisce l’impianto di irrigazione dei frutteti sovrastanti i binari.

Guarda anche:
Frana sul treno dei pendolari: 8 indagati

Leggi tutto