L’assassino di Giovanna Reggiani rimarrà in carcere

1' di lettura

Romulus Mailat, l’uomo condannato per l’omicidio della donna avvenuto il 30 ottobre 2007 dovrà scontare per intero l’ergastolo. E’ quanto ha deciso Prima sezione penale della capitale dichiarando inammissibile il ricorso presentato dalla difesa

La Cassazione ha reso definitivo  l'ergastolo per Romulus Mailat, il romeno condannato per l'uccisione  di Giovanna Reggiani aggredita nei pressi della stazione di Tor di  Quinto, nella capitale, la sera del 30 ottobre 2007. Lo ha deciso la  Prima sezione penale presieduta da Severo Chieffi, dichiarando  inammissibile il ricorso presentato dal romeno che sta scontando il  carcere a vita nell'istituto penitenziario di Pesaro.
      
In questo modo, piazza Cavour ha convalidato la decisione della  Corte d'assise d'appello di Roma del 9 luglio 2009 che aveva annullato le attenuanti generiche concesse a Mailat in primo grado,  condannandolo all'ergastolo (la Corte d'assise, con lo sconto, aveva  inflitto una pena di 29 anni). "La condanna di Mailat è basata sul  verosimile - protesta il legale del romeno, Piero Piccinini -. A  tutt'oggi non so ancora quale sia la sua posizione visto che la  condanna è frutto di un processo fatto male imbastito su presupposti che andavano verificati. Non si ha la minima idea di ciò che accadde quella notte, e questo emerge dalle carte".


GUARDA ANCHE:

Delitto Reggiani, ergastolo in appello per Mailat
Omicidio di Tor di Quinto, Mailat condannato a 29 anni

Leggi tutto