Gay e pedofilia, i cattolici sul web si dividono su Bertone

Il cardinale Tarcisio Bertone (Ap)
1' di lettura

Il parallelismo del segretario di Stato del Vaticano ha accesso il dibattito anche nei forum più vicini alla Chiesa. Tanti i commenti contro: "Certi obbrobri non si possono sentire". Ma molti sposano le tesi del cardinale

di Valeria Valeriano

Siamo alle solite. Qualcuno fa una dichiarazione e su internet si scatenano i commenti a favore o contro. Questa volta è toccato al cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato del Vaticano. “Molti sociologi, molti psichiatri hanno dimostrato che non c'è relazione tra celibato e pedofilia, e invece molti altri hanno dimostrato che c'è una relazione tra omosessualità e pedofilia”, ha detto lunedì 12 aprile in una conferenza stampa a Santiago del Cile. E gli opinionisti del web si sono messi subito a lavoro. Ma trovare pareri a favore del cardinale, in questo caso, è stato difficile.

Il Vaticano ha precisato che Bertone si riferiva alla Chiesa e non alla popolazione mondiale, ma questo non ha frenato le critiche. Prevedibili quelle delle associazioni gay. Un po’ meno quelle del ministero degli esteri francese che in una nota parla di “amalgama inaccettabile”. Per nulla prevedibili invece le discussioni in corso su uno dei più famosi forum cattolici. Tanti gli utenti che danno ragione al cardinale Bertone. Per argomentare i loro discorsi allegano dati e presunte ricerche scientifiche. “Fino a quando si persisterà nel negare la palese relazione statistica tra omosessualità maschile e pedofilia non saremo sulla buona strada – scrive Kirishitan –. Se almeno i cattolici, invece di unirsi al coro di quelli che fanno finta di non sapere quanto ha detto Bertone, cominciassero a svegliarsi…”. Ma c’è chi non è d’accordo e parla di autogol. “Quando un fratello sbaglia è un dovere riprenderlo e Bertone ha fatto un errore, gettando ancora più odio contro la Chiesa”, scrive NonPraevalebunt. E Uranio: “Quando si fa un'affermazione così forte bisognerebbe esplicitare le fonti e non dire «molti psichiatri e psicologi». Bisognerebbe dire quali psichiatri e psicologi. Questa è la prima regola per dimostrare la validità delle affermazioni che si riferiscono a dati scientifici. Capisco che l'uomo della strada possa dire qualunque cosa, possiamo leggere di tutto in internet, ma sentire dire certe parole da un segretario di Stato mi lascia molto perplesso, perché sa di parlare al mondo intero”.

Quasi tutti a senso unico invece i commenti arrivati sui siti dei maggiori quotidiani italiani. “È davvero un peccato mortale che gli alti prelati della Chiesa cattolica dicano cose senza senso”, scrive Marchesedelgrullo. Ad essere indignati anche i credenti. “Io ho sempre difeso la chiesa, spesso attirandomi gli strali di molti amici – digita astounded –. Sono cattolico, ma sentire certi obbrobri mi fa passare dalla parte dei molti che l'hanno etichettata con tutti i termini che conosciamo: vecchia, oscura, a protezione dei propri crimini, ottusa, incapace di parlare con la gente e soprattutto in malafede”. Stessa linea anche su Facebook, dove nei gruppi contro il cardinale aumentano le adesioni. Il più attivo è Denuncia di massa alle calunnie gratuite di Bertone. “Vergognati” è una delle espressioni più usate.

Con una ricerca più attenta spuntano anche i post che appoggiano il segretario di Stato del Vaticano. Basta spulciare tra i circa 500 commenti di Repubblica.it e si trova, firmato da lanerossi13: “Solidarietà da parte mia al Cardinale Bertone, ha detto niente di diverso dalla verità”. “Quello che ha detto mons. Bertone forse non è politicamente corretto ma ci sono dei dati. I fatti sono fatti”, continua nino590. E su Corriere.it si legge: “Nella maggior parte dei casi i sacerdoti (maschi) pedofili attaccano e usano violenza su bambini maschi. La conclusione cui si arriva è abbastanza ovvia”.

Non mancano “blog di libera informazione cattolica” con opinioni spesso estreme. “Bertone su pedofilia e omosessualità fa sante e sagge affermazioni. Si chieda l'intervento del Legislatore e si istituisca il reato di crimine contro l'umanità e di attentato alla riproduzione della razza umana”, titola un articolo.
Pro o contro Bertone, il dibattito sul web è servito.

Leggi tutto