Stefano Cucchi: in sette mesi tre perizie e poche certezze

stefano cucchi
1' di lettura

La commissione guidata da Ignazio Marino, la perizia della procura e quella della famiglia concordano solo sulla responsabilità dei medici. Su botte e maltrattamenti divergono e si contraddicono. La verità solo in aula

In sette mesi sul caso Stefano Cucchi sono arrivate tre diverse perizie mediche, ma nessuna certezza. Per prima, quella guidata dal senatore e medico Ignazio Marino, che ha stabilito che Cucchi è morto disadrato. Smentita però dalla perizia della Procura, guidata dal professor Arbarello, secondo il quale Cucchi aveva bevuto e la responsabilità del decesso è da attribuire a un piano terapeutico sbagliato, mentre le tracce di maltrattamenti risalirebbero a vecchie ferite. Di tutt'altra opinione la perizia fatta eseguire dalla famiglia Cucchi al professor Vittorio Fineschi, secondo la quale Stefano sarebbe stato ammazzato di botte. Anche per la terza perizia, resta fuori discussione la responsabilità dei medici del Pertini, sui cui cade il sospetto di omertà e negligenza. La verità dovrà ora essere ristabilità al processo, istruito dai pm Vincenzo Barba e Francesca Loy

Guarda anche:
La perizia della famiglia Cucchi: Stefano ucciso dalle botte
Caso Cucchi, parla l'albanese che sentì piangere da una cella
Morte di Stefano Cucchi: le foto choc
Cucchi, la difesa dei medici: "E' stata morte naturale"
Gli utenti di Facebook scrivono a Napolitano

Leggi tutto