Sindone, al via l'ostensione

1' di lettura

A Torino sono iniziate le visite al telo che secondo la tradizione avrebbe avvolto il corpo di Cristo. Tra i primi a percorrere il tragitto il presidente della Fiat Luca Cordero di Montezemolo e Sergio Marchionne

E' iniziata questa mattina la  visita riservata alle autorità dela Sacra Sindone, che rimarrà  esposta al duomo di Torino per l'ostensione fino al 23 maggio. Fra i primi a percorrere il tragitto che dai giardini Reali conduce alla  teca in duomo dove è contenuto il Sacro Lino, il presidente e l'amministratore delegato della Fiat, Luca Cordero di Montezemolo, arrivato con la famiglia, e Sergio Marchionne.

Numerosi gli esponenti politici piemontesi, dai vertici delle  istituzioni locali, il sindaco Sergio Chiamparino, il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota, nominato ieri, e il presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta a rappresentanti del governo come i sottosegretari agli Interno e ai Trasporti Michelino Davico e  Bartolomeo Giachino. Insieme a loro anche i vertici locali delle forze armate e delle forze dell'ordine.


Nel pomeriggio si è svolta la messa solenne celebrata dall'arcivescovo di  Torino, il cardinale Severino Poletto, e, alle 18, l'apertura al  pubblico dell'ostensione. In fila si sono 12.140 i pellegrini che hanno sfilato davanti alla Sindone nel duomo di Torino. Di questi 480 provengono dall'estero. Intanto il numero delle prenotazioni è ormai vicino alla soglia del milione e mezzo: alle 13 di oggi i posti prenotati erano 1.473.561, di cui il 93% dall'Italia, soprattutto da Piemonte, Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia Romagna, Puglia e Sicilia. Per quanto riguarda l'estero, quasi 60mila prenotazioni sono giunte dai Paesi dell'Europa occidentale (Francia, Germania, Spagna e Svezia), 30.000 dall'Europa orientale (soprattutto Polonia e Russia), 13.000 dal continente americano (Stati Uniti e Messico), quasi 2000 dall'Asia. Non mancano prenotazioni dall'Africa e dall'Oceania. Domani il Duomo sarà aperto dalle 7 alle 20 e saranno 45mila i pellegrini in visita alla Sindone.

Leggi tutto