Donna morta a Roma dopo un cesareo, indagata equipe medica

1' di lettura

Tiziana Tumminaro, 35 anni, è deceduta al San Camillo per complicazioni sorte dopo un parto gemellare alla clinica Santa Pia. Il ministro Fazio invia gli ispettori ministeriali in entrambe le strutture. Oggi l’autopsia

Primi indagati per omicidio colposo nell'inchiesta della Procura di Roma sulla morte di Tiziana Tumminaro, la donna di 35 anni deceduta mercoledì pomeriggio al San Camillo per complicazioni sorte dopo un parto cesareo gemellare effettuato alla clinica Villa Pia. Il pm Roberto Felici, magistrato di turno e titolare degli accertamenti, ha iscritto sul registro degli indagati l'equipe medica che ha seguito la paziente nella sala parto della struttura di via Ramazzini. Il decesso, secondo quanto emerso dalle prime indagini, è dovuto a una improvvisa emorragia interna, ma il magistrato ha disposto l'autopsia per saperne di più. Sarà oggi il medico legale del Gemelli a svolgere l'accertamento autoptico.

L'inchiesta della magistratura ha preso il via con la denuncia del marito. Quando è giunta al San Camillo, la donna era già in condizioni disperate.

Sul caso vuole vederci chiaro anche la neopresidente della regione Lazio Renata Polverini "Va chiarito cosa è successo perché è inaccettabile che a Roma si muoia di parto. Per questo ho concordato con il ministro Fazio un intervento di ispezione nella clinica Villa Pia e nell'ospedale San Camillo" ha detto . E ha aggiunto: "Poiché non sono ancora insediata non sono potuta intervenire direttamente con gli ispettori regionali. Per questo ho parlato con il ministro Fazio che invierà gli ispettori ministeriali".

E dalla clinica respingono ogni tipo di accusa. "E' da escludersi alcuna responsabilià in capo alla struttura sanitaria da me diretta e dal personale medico e paramedico dipendente della struttura stessa", sottolinea il direttore sanitario, Maurizio Cattel.

Leggi tutto