Caso Claps, nuovi esami della Scientifica in chiesa

1' di lettura

Attesi altri rilievi della Polizia nella basilica potentina della Trinità, nel cui sottotetto furono rinvenuti, il 17 marzo, i resti d'Elisa. Conto alla rovescia per gli esiti dell'autopsia. Il medico legale: "Il cadavere sta tristemente parlando"

GUARDA LA FOTOGALLERY

Il giallo di Potenza sembra avviarsi velocemente alla risoluzione. Nella giornata del 6 aprile sono attesi nuovi rilievi della Polizia scientifica nella chiesa della Santissima Trinità, nel cui sottotetto furono rinvenuti, il 17 marzo, i resti d'Elisa Claps. Posta sotto sequestro il 2 aprile, la basilica è rimasta chiusa anche in occasione delle celebrazioni pasquali, al fine di poter acquisire il maggior numero d'elementi probatori per risalire all'omicida. Fondamentale l'utilizzo dell'ultime tecniche metodologiche e tecnologiche, senza contare gli esiti degli esami autoptici.

Al riguardo grande interesse hanno suscitato le dichiarazioni che Francesco Introna, lo specialista di Bari incaricato dell'autopsia sui resti d'Elisa, ha rilasciato nell'ambito della puntata della trasmissione Chi l'ha visto?, andata in onda il 5 aprile: "Il cadavere di Elisa ci sta tristemente parlando. Presto consegneremo al pubblico ministero di Salerno la perizia sull'autopsia". Introna ha inoltre definito fuorvianti le voci circolate, nei giorni scorsi, sulle modalità dell'omicidio della giovane, avvenuto quasi certamente il 12 settembre 1993, giorno stesso della scomparsa.

Guarda anche:
Elisa Claps, secondo il perito della famiglia fu violentata

Mistero Claps, nella chiesa trovate anche tracce di liquido
Le foto dei primi rilievi nel sottotetto della chiesa
Il parroco: "Non sapevo nulla di quel cadavere"
Caso Claps: un mistero lungo 17 anni
Una speranza di verità in Inghilterra
Danilo Restivo: sono tranquillo

Leggi tutto